venerdì 13 marzo 2009

Il cous cous... questo sconosciuto


Fino a qualche anno fa, se mi parlavano di cous cous, pensavo a un piatto piccantissimo che ho mangiato una volta ad una cena tunisina, preparato con carne di non so quale animale. Considerando che non amo la carne e non riesco a mangiare cose piccanti, quella volta non avevo affatto potuto apprezzare la bontà del cous cous, che oggi mi piace moltissimo e so che può essere mangiato in tanti modi diversi.

E' velocissimo da preparare (ovviamente mi riferisco a quello che si compra pre cotto nella scatola al supermercato): basta fare bollire un tot d'acqua salata, poi spegnere e versarci lo stesso tot di cous cous, provvedendo poi a sgranarlo con una forchetta in modo che non si appallottoli tutto. Il tempo medio di preparazione varia in base alla quantità, ma non supera i dieci min.

La prima volta che io e Marco abbiamo preparato questo piatto che adesso è uno dei miei preferiti (non l'avrei mai detto la sera di quella cena tunisina!), eravamo a casa sua qualche anno fa e in casa, a ora di cena, di commestibile c'era solo questa confezione di cous cous, un peperone, una patata, una melanzana e una cipolla. Abbiamo fatto saltare le verdure e poi le abbiamo mangiate con il cous cous caldo ed è venuto delizioso.
Ed è buonissimo con tutte le verdure possibili e immaginabili.

Una variante è mangiarlo a freddo, condito con tonno, pomodoro e formaggio oppure con pomodoro, feta, olive nere e rucola (buonissimo fatto così, anche se personalmente alla rucola preferisco il songino).

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per essere passato/a da qui!
Thanks for stopping by!