lunedì 2 marzo 2009

Sooner or later, a man who wears two faces forgets wich one is real

Qui sopra Norman Bates, interpretato da Anthony Perkins, in una scena di Psycho.
Uno dei film cult in tema di sdoppiamento di personalità.

La frase che dà il titolo a questo post mi ha colpito molto.

Sooner or later a man who wears two faces
forgets which one is real.
Prima o poi, un uomo che "indossa" più facce
dimentica quale è quella vera.

E' il "sottotitolo", la tagline, del film "Schegge di paura" con R. Gere e E. Norton. Che è un film molto bello, secondo me. Uno di quelli in cui c'è la componente psicologica, o meglio psichiatrica, o, in questo caso, solo perversamente cattiva...

Come in un libro molto bello di S. Sheldon che si chiama "Dietro lo specchio", in cui una tipa è scissa in ben tre personalità multiple.

In entrambi, come anche in Dr. Jekyll e Mr. Hyde, si parla, più o meno, di disturbi della personalità.

Ho letto su diversi siti (tra i quali, cito www.ascoltopsicologico.it) che questa malattia sembrerebbe avere tra le sue radici, traumi subiti in età infantile: il soggetto si dissocia dal trauma, convincendosi che sia stato qualcun altro a subirlo e praticamente crea un'altra identità (o altrE identità).
Una cosa che mi ha colpito molto (che non stupirà gli psicoterapeuti!) è che questo disturbo si cura con la psicoterapia, che deve rivolgersi a TUTTE le personalità del soggetto, che devono cooperare tra loro per garantire l'integrazione e il buon fine della terapia.

Nei thriller, però, spesso, la personalità multipla è solo un'invenzione del soggetto, spietato all'inverosimile, che ricorre a questo simpatico espediente per farsi ricoverare in una clinica psichiatrica ed evitare di essere condannato alla pena capitale, dato che di solito ha commesso un omicidio (o più di uno).

Comunque, è un argomento che trovo molto interessante, ovviamente non augurando a nessuno (e nemmeno a me stessa) di averci mai a che fare qualcosa... Ma è un argomento che trovo interessante da studiare.
Perché studiare?
Non sono medico e nemmeno psicologo...
Ma forse ho sbagliato mestiere.
Questo lo penso sempre più spesso.

1 commento:

  1. sono approdato qui da 3siti di P.I. e mi sono incuriosito...ti lascio un saluto sul tuo post + attuale...allora, non ho visto il film che dici ma devo dire in genere NON credo alla faccia doppia o tripla ecc...io credo che la persona sia in quel modo, come essenza stessa dell'individuo e di conseguenza SEMBRA che si comporta come se fosse un altro e quindi di avere un'altra faccia...mentre cmq personalmente sono scettico sulla psicoterapia in genere...ma questa è un'altra storia! :-)

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a da qui!
Thanks for stopping by!