martedì 9 giugno 2009

Appunti di viaggio - Il lungo ponte piovoso


Perché avete scelto proprio Ischia come meta delle vostre vacanze?

La domanda ci viene posta da un signore che ci porge un microfono, mentre un altro ci riprende con la telecamera. Probabilmente andremo in onda in qualche telegiornale o trasmissione locale.
Stranamente rispondo alla domanda senza troppo imbarazzo all'idea di andare in televisione e l'unica cosa a cui penso è che, cavolo!, la TV ingrassa!!
Mi viene in mente una battuta di Friends, in una puntata in cui i ragazzi guardano un filmino in cui Monica era molto grassa... di fronte alle osservazioni degli amici sulla sua stazza, lei commenta "Camera adds ten pounds!" e Chandler ribatte "And how many cameras were on you?!"

Abbiamo trascorso il lungo ponte più piovoso dell'ultimo periodo ad Ischia. 
Ischia è carinissima e, se capitasse di starci qualche giorno senza diluvi continuativi, probabilmente il soggiorno sarebbe ancora più piacevole. Dei cinque giorni di vacanza, infatti, ha piovuto per tre e noi, che speravamo di tornare a casa abbronzatissimi, siamo potuti andare al mare solo tre volte (di cui una per puro miracolo, dato che al mattino faceva freddo tanto da indossare i giubbotti con cappuccio e alle due c'era una giornata da agosto inoltrato). 
Meno male che, oltre alle canottiere, abbiamo messo in valigia i giubbotti, i maglioncini e l'ombrello.
Ischia è piena di salite (e discese) e ci sono per fortuna gli autobus (affollatissimi, ma comodi).
Il mare è bello (ma non dappertutto).
Si paga poco (mi aspettavo decisamente prezzi più alti, considerata la località).
In quei luoghi fanno una pizza spettacolare (anche se io sono una fan della pizza comunque sia!).
Ci sono le terme.
Le terme sono luoghi molto particolari che però non mi attirano molto, forse perché non mi piace in generale fare il bagno in pozze d'acqua calda, per di più troppo piccole e con dentro un numero di persone eccessivo. Mi ricorda una piscina schifosissima in un lido in cui andavo da piccola, sempre con acqua troppo calda e di colore poco limpido! Oppure quando a Vulcano, nella splendida pozza di fango, infilavo la mano e tiravo fuori, insieme al fango, anche tanti - tantissimi - capelli (e peli). 

Ovviamente, nulla di tutto ciò ho trovato nell'unico parco termale che ho visitato che, alla faccia dei miei pregiudizi, mi è piaciuto parecchio (anche se il bagno nelle pozze di acqua calda l'ho evitato!).










Ma alle piscine e anche alle terme, io preferisco decisamente il mare.
Il mare è molto bello, ma non a Ischia Porto... almeno nella nostra esperienza. Lì
sembrava peggio della peggiore spiaggia libera qui a Catania e il mare era una schifezza, oltre che affollatissimo. Se dovessimo tornare probabilmente andremo a Forio, una località con un mare notevole. Ho trovato bellissimo anche il mare delle terme di Negombo (qui accanto): una specie di baia che mi ha ricordato una meravigliosa località di Ibiza, con acqua trasparente e circondata da montagne, che si chiamava San Miguel (se non ricordo male).

Noi abbiamo alloggiato in un residence molto carino (e nuovo) ad Ischia Porto che aveva un solo inconveniente... si trovava in cima ad una strada molto molto in salita. Farsi la scarpinata più volte al giorno non è stato molto piacevole, anche perché spesso c'era la pioggia, ma almeno le salite quotidiane sono servite a non farmi ingrassare troppo in quei giorni di vacanza!! Per il resto era perfetto, era pure esattamente al centro del paese.

Nonostante il tempaccio, comunque, è stata una vacanza molto carina... merito della compagnia, la solita (anzi, metà della solita attuale, per essere precisi...).
Unica nota stonata è stato un malessere che mi ha accompagnato dal primo all'ultimo giorno di viaggio (e oltre): il mal di mare... o di terra. Sparito solo oggi, dopo più di una settimana di continuo rollio sotto i piedi, causato dal viaggio in nave CT-NA A/R.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per essere passato/a da qui!
Thanks for stopping by!