domenica 25 aprile 2010

Cosa ne penso di - Obsessed

Se qualcuno riconosce la procace rossa... sì, è Byoncé (non sapevo facesse pure l'attrice)


In questo post c'è la dedica: ai soliti amici (e marito) con cui guardo film, ogni tanto, in tarda serata, dopo lauta cena.

Oggi abbiamo visto Obsessed che è una copia (brutta e, credo, non troppo famosa) di Attrazione fatale (il film, famosissimo e senza dubbio molto più bello, con Michael Douglas e Glenn Close). Decisamente un film da non rivedere e che catalogherei tra quelli buoni da vedere con un occhio mentre si stira o si fa la cyclette (o qualunque altra cosa). Anche se, a sua difesa, c'è da dire che è riuscito a carpire l'attenzione di tutti, nonostante l'ora tarda. Mentre, di solito, con film molto molto più belli di questo, almeno un paio di noi si fanno una bella dormita per tutto (o quasi) il film. Forse perché, nonostante l'argomento, a tratti rasentava il ridicolo e volevamo vedere come sarebbe andato a finire.
E devo dire che guardare i film insieme, tutti svegli, è più divertente. Soprattutto se il film si presta a commenti più o meno scherzosi, come in questo caso.
Comunque sul film non c'è molto da dire, se avete visto Attrazione fatale è molto simile, anche se Michael Douglas illude (almeno in parte) Glenn Close - andandoci a letto -, mentre il poveretto di Obsessed non fa nemmeno quello.
Infatti, il povero perseguitato protagonista, marito e padre felice, rifiuta ripetute avance dell'avvenente (e folle) precaria che vorrebbe sedurlo e che, pazza fino all'osso, si convince che loro due hanno una storia (e va anche dicendolo in giro).
La povera pazza non usa mezzi termini per far capire a lui che vorrebbe intrattenere una relazione di tipo sessuale, infatti (nell'ordine):
- tenta di stuprarlo nel bagno, durante una festa aziendale;
- gli si fionda dentro la macchina e si spoglia, con mossa tipica da molestatore che si apre l'impermeabile e rivela i propri gioielli (e, francamente, questa scena è ai limiti del ridicolo);
- lo droga e gli salta addosso, probabilmente riuscendo anche a violentarlo (ma non si capisce), durante un'altra festa aziendale.
Visti gli insuccessi, dato che il poveraccio non cede minimamente, infine, la folle si corica nuda nel suo letto e si ingoia un tubetto di pillole. Questo tentativo di suicidio non viene visto proprio di buon occhio dalla moglie, che lo caccia di casa, non credendo ad una sola parola del marito che tenta di spiegarle che lui davvero non c'entra niente.
Quando la pazza, che ovviamente sopravvive al tentativo di suicidio, un giorno inscena il rapimento del figlio, la moglie capisce la verità e giura vendetta.
Vi risparmio il finale. Ma se avete visto Attrazione fatale, è lo stesso.

3 commenti:

  1. Ok, segnato sulla lista nera... ;)
    Grazie.
    Il caro, vecchio, Attrazione Fatale si lascia ancora rivedere volentieri ad anni di distanza: potenza di una sceneggiatura a prova di bomba e di un cast straordinario.

    RispondiElimina
  2. Infatti... Attrazione fatale è un film molto bello, questo qui è davvero la brutt(issim)a copia!

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a da qui!
Thanks for stopping by!