mercoledì 19 maggio 2010

Che bella giornata!

In una giornata in cui la cosa più divertente e rilassante che ho fatto è stato un esame medico (questo dovrebbe dirla tutta), mi è successo pure una cosa che mi ha fatto un po' sprofondare.
Ero al supermercato, in fila alla cassa, come al solito di fretta e piena di bagagli - in effetti, il 90% del mio bagaglio è costituito dalla mia borsa da lavoro che pesa due quintali e mi sega la spalla quotidianamente, ma oggi scarrozzavo anche una busta abbastanza ingombrante seppur molto leggera.
Ho tenuto la busta leggera ed ingombrante nel carrello per tutto il tempo mentre facevo la spesa e ho deciso di spostarla dal carrello alla borsa proprio poco prima di oltrepassare il nonsocomesichiama - quello che suona quando qualcuno sgraffigna i prodotti del supermercato.
Ovviamente, il nonsocomesichiama si è messo a suonare, attirando gli sguardi di tutto il supermercato e le signorine alla cassa mi hanno guardata in maniera un po' strana e mi hanno chiesto di vedere la busta e poi il contenuto della mia borsa.

Non sono state antipatiche ed era loro diritto/dovere farlo, ma mi sono sentita parecchio in imbarazzo, anche considerato che non ruberei mai nemmeno una gomma americana...
Ovviamente, non hanno trovato refurtiva in mezzo alle mie cose e hanno concluso che forse avevo qualcosa in borsa con l'antitaccheggio (mi chiedo cosa poteva essere: le fotocopie? il computer che ho da un anno? il portafoglio che ho da due anni? il pacchetto di gomme americane regolarmente acquistato lo scorso week end?)... immagino non lo scoprirò mai, ma spero di non far suonare mai più uno di quei cosi al supermercato.



6 commenti:

  1. Non ti ci vedo proprio come ladra :-)
    Se ti capitasse ancora, conta su di me come testimone eh?

    RispondiElimina
  2. É strano come, quando parte il suono e tutti gli sguardi puntano a noi, nonostante siamo sicuri di essere nel giusto veniamo pervasi da una sensazione d'insicurezza ed imbarazzo haha

    Ricordo che Gip, nelle Iene, fece una classifica con proprio queste reazioni se non sbaglio :P

    RispondiElimina
  3. mamma mia che brutta esperienza XD quando succedono queste cose l'organismo smette di rispondere, si prepara alla fuga, è istintivo. Anche se non abbiamo colpa :) dillo che stavi pensando di filartela! XD

    RispondiElimina
  4. A me una volta è successo nella libreria Feltrinelli. Avevo nello zaino un libro preso in prestito in biblioteca, e c'era l'antitaccheggio, ma stranamente quando sono entrato nella libreria non ha suonato. Ha aspettato che uscissi...
    Per fortuna il libro era chiaramente usato e aveva l'etichetta "Università La Sapienza", altrimenti sarei passato per ladro.

    RispondiElimina
  5. A me successe, ma ero colpevole.
    Avevo fregato un libro alla Feltrinelli che non potevo comprarmi (ero piccino, eh). L'antitaccheggio c'era già, e io, credendomi furbo, avevo localizzato la striscetta d'alluminio tra le pagine e l'avevo buttata.
    Eppure, l'allarme squillò lo stesso.
    Con un'incredibile faccia da culo, tirai fuori quanto avevo nella borsa, libro incriminato compreso, e dissi al commesso: "non capisco, questo libro è mio".
    Quello mi fece "Tranquillo, a volte succede", e me la filai impunito con la refurtiva.
    Inutile dire che non lo feci mai più. :D

    RispondiElimina
  6. "I don't hate people. I just feel better when they aren't around."
    Charles Bukowski

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a da qui!
Thanks for stopping by!