lunedì 21 giugno 2010

La casa degli spiriti - Cosa ne penso di


Clara trascorse l'infanzia ed entrò nella giovinezza fra le pareti della sua casa, in un mondo di storie stupefacenti, di silenzi tranquilli, in cui il tempo non era scandito da orologi e da calendari e dove gli oggetti avevano una vita propria, le apparizioni si sedevano a tavola e parlavano con gli umani, il passato e il futuro facevano parte della stessa cosa e la realtà del presente era un caleidoscopio di specchi disordinati in cui tutto poteva succedere. ... Clara abitava un universo inventato da lei, protetta dalle avversità della vita, dove la verità prosaica delle cose materiali si confondeva con la verità tumultuosa dei sogni, nei quali non sempre funzionavano le leggi della fisica e della logica.

da "La Casa degli Spiriti" - Isabel Allende




Non dico che mi ero dimenticata questo libro meraviglioso, ma è da un po' che non lo rileggo e questi due paragrafi mi hanno messo addosso una gran voglia di leggerlo di nuovo. Clara è uno dei miei personaggi preferiti, così fragile - apparentemente - ed eterea. Quasi un angelo.
E Isabelle Allende è una scrittrice fenomenale.

Mi è piaciuto tantissimo anche il film tratto da questo libro, in cui Meryl Streep interpreta l'eterea Clara. E Meryl Streep è un'attrice fenomenale.

9 commenti:

  1. Il film, onestamente, mi ha fatto passare qualsiasi voglia di leggere il libro... ma magari mi sbaglio, e mi sto perdendo qualcosa.
    E cmq, la rilettura, in certi casi, è persino migliore della prima lettura. ;)

    RispondiElimina
  2. @Cyber: Luca, il libro è bellissimo... se ti piace come scrive la Allende, ovviamente. Io di solito non sono una grande amante di saghe di famiglia e cose simili, ma lei è davvero una scrittrice fenomenale. Io amo il film, che ho visto dopo aver letto il libro, che avevo adorato. E forse questo mi ha anche influenzato. Raramente rileggo gli stessi libri, ma questo è uno di quelli che ho letto diverse volte.

    RispondiElimina
  3. Sono stata a un matrimonio due settimane fa.
    Un caldo appiccicoso, spruzzata di pioggia, e stomaco in disordine, cosicchè non ho neanche potuto godere del buffet.
    E le scarpe, che in chiesa ho potuto tenere sfilate per tutta la cerimonia, al ricevimento mi hanno praticamente stesa.
    Mai andare a un matrimonio con un paio di scarpe nuove.

    RispondiElimina
  4. @Maura: come hai fatto a toglierti le scarpe in chiesa? avevi un vestito lunghissimo???
    Comunque, io amplierei: Mai andare a un matrimonio con un paio di scarpe scomode, vecchie o nuove che siano! :)

    PS stiamo commentando sul post sbagliato :)))

    RispondiElimina
  5. Una storia carica di simboli. Un'allegoria del Cile.

    RispondiElimina
  6. non l'ho mai letto/visto, ma una recensione così entusiata mi ha fatto venire voglia di leggerlo!

    RispondiElimina
  7. ok, l'ho trovato al 30% di sconto...è ancora lì impacchettato! prima o poi lo leggo :-)

    RispondiElimina
  8. @Zion... ma davvero lo hai comprato perché hai letto qui?? :))) sono contenta... spero ti piaccia!

    RispondiElimina
  9. io lo sto leggendo e devo dire che mi devo bloccare perchè mi tira così dentro che lo leggerei tutto di un fiato!

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a da qui!
Thanks for stopping by!