martedì 23 novembre 2010

Voglio scappare!

Poco fa ho letto un post carinissimo (e un po' deprimente, a dire il vero, se uno si sofferma sul messaggio) del mio amico CyberLuke. E poi, sono capitata su questo articolo del Corriere.
Tempo fa usavo lamentarmi di trasmissioni come Il grande fratello o Uomini e Donne (ma adesso non mi lamento nemmeno più), abbastanza scioccata che avessero un pubblico fedele e fossero tra le trasmissioni con più successo in Italia.

Comunque, pensando a queste cose, la domanda che mi è venuta spontanea è:
ma in che schifo di posto viviamo?

Coatti, esibizionisti, coatti esibizionisti, ignoranti e supposte prostitute minorenni o comunque disponibili ragazzine che prendono soldi - qualunque sia la ragione - da
politici famosi (e che godono di troppo consenso assoluatamente immeritato), vengono ospitati (e strapagati) per fare apparizioni nei locali... e la gente paga per vederli.
Che schifo.
L'ignoranza porta soldi.

Questo è il messaggio che diamo in giro (oltre ad altri edificanti messaggi , portati avanti da esponenti della nostra classe politica, che ci fanno essere lo zimbello del mondo).

Poi, sul fronte dei disservizi al cittadino comune (quello che non ha conoscenze, per intenderci): ancora non se ne parla di avere l'allaccio all'Enel (eh, sì, ho svelato chi è la meravigliosa azienda che ci sta facendo penare da luglio... meno male che esiste la luce di cantiere, altrimenti noi saremmo ancora a casa vecchia oppure con le candele).
La cosa divertente è che ieri sia io che mio marito abbiamo avuto contatti indipendenti con la suddetta azienda... ovviamente abbiamo avuto due risposte completamente diverse.
A me una gentile signorina del call center ha detto che va tutto bene e che stanno aspettando un'autorizzazione del Comune per procedere con la pratica e che non si sa bene quando se ne parla per averla (e mi ha chiesto speranzosa, consapevole dello schifo di posto in cui viviamo "lei non conosce nessuno al comune?").
A mio marito un gentile signore di un ufficio (non del call center, quindi dovrebbe essere più attendibile) ha detto che il nostro impianto elettrico è stato fatto a caXXo di cane (o giù di lì) e che non possono fare l'allaccio se prima non sistemiamo le cose (come? boh...).

Voglio scappare.

1 commento:

  1. In questi giorni pensavo la stessa cosa.
    Dicono degli svizzeri che sono provinciali, razzisti, pieni di pregiudizi e retrogradi, ma onestamente in questo momento avrei una gran voglia di essere un provinciale, razzista e retrogrado cittadino svizzero...
    Sono italiano e mi viene da dire "purtroppo"...

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a da qui!
Thanks for stopping by!