martedì 28 dicembre 2010

Cosa ne penso di - 500 days of summer

This is not a love story. It's a story about love.

Questo è un altro di quei film il cui titolo tradotto in italiano ha un significato completamente diverso dal titolo originale.
Il titolo originale 500 days of Summer è stato tradotto con 500 giorni insieme, cosa che, a prima vista, non sembrerebbe nemmeno tanto abominevole, se non per il fatto che Summer - oltre a significare Estate (particolare importante per qualcosa che accade alla fine del film) - è il nome della protagonista e quindi eliminare la parola Summer dal titolo non è stata la scelta più felice, secondo me.

Polemiche sui titoli a parte, questo film mi è piaciuto.
Strano perché, di norma, io amo gli happy ending e questo non si può dire che abbia un classico happy ending.
Forse mi è piaciuto perché mi ci sono rispecchiata.
Fa pensare a cose come le anime gemelle, il destino, le coincidenze e cose così... e su come ci si focalizza su alcune cose, quando una storia importante finisce, cose che diventano come il prosciutto sugli occhi e un filtro nella mente e che ti impediscono di vederne con chiarezza delle altre.
Penso che se avessi visto questo film alcuni anni fa, in un certo periodo in cui potevo tranquillamente identificarmi con il protagonista, ne avrei anche tratto un certo beneficio pratico.
E ricordo abbastanza distintamente il momento in cui, come il protagonista nell'ultima scena, il prosciutto mi è caduto dagli occhi e ho dato il benvenuto alla nuova stagione.
In ogni caso, è un film carino, non è una romanticheria alla Harmony e ha un finale abbastanza inaspettato... simpatico per passare un'oretta e mezza.

Qua c'è il trailer in italiano.
Dato che oggi ho guardato il film in inglese, non mi ero accorta delle voci dei doppiatori... credo di aver capito come mai la prima volta che avevo guardato il film (in italiano) mi ero pure addormentata, mentre oggi mi è sembrato troppo carino.
Qua quello originale, manco a dirlo, molto più bello.

Alcune citazioni (inglese)
Rachel Hansen: Just because she likes the same bizzaro crap you do doesn't mean she's your soul mate.
Rachel Hansen: Look, I know you think she was the one, but I don't. Now, I think you're just remembering the good stuff. Next time you look back, I, uh, I really think you should look again.


Summer: Well, you know, I guess it's 'cause I was sitting in a deli and reading Dorian Gray and a guy comes up to me and asks me about it and... now he's my husband.
Tom: Yeah. And... so?
Summer: So, what if I'd gone to the movies? What if I had gone somewhere else for lunch? What if I'd gotten there 10 minutes later? It was - it was meant to be. And... I just kept thinking... Tom was right.
Tom: No.
Summer: Yeah, I did.
Summer: I did. It just wasn't me that you were right about.



7 commenti:

  1. Che i sentimenti ottembrino la ragione, accade da quando è nato l'uomo... E, in fin dei conti, è più bello così. ;)
    Anch'io, potessi tornare indietro, ragionevolmente inquadrerei parecchie (tutte?) situazioni sentimentali in ben altra maniera.
    Ma non è possibile, giusto?
    E quindi, amen: i nostri "errori" diventano così materiale da film o da letteratura. ;)
    Col distacco di chi è estraneo alla vicenda o comunque non è contagiato dal terribile virus dell'innamoramento cieco, è fin troppo facile sorridere di chi ha le classiche fette di prosciutto sugli occhi, ma, chi più chi meno, le abbiamo portate tutti.
    Ps La locandina mi ricorda quella di Manhattan, uno dei pochi Woody Allen che ho visto e che hanno contribuito a farmelo cordialmente detestare.

    RispondiElimina
  2. E' vero che è bello quando i sentimenti sono tali da ottenebrare la ragione... però io ho portato sugli occhi direttamente dei maiali interi, a volte!! :)
    Non avevo pensato alla similitudine con la locandina di Manhattan (film che invece a me piace molto).

    RispondiElimina
  3. Uhm, un'oretta e mezzo piacevole, dici?
    Lo avevo scartato, quasi quasi gli do un'altra possibilità... :)

    RispondiElimina
  4. E' proprio un film carino, una delle migliori commedie dell'ultimo periodo.

    Poi lei è la mia attrice preferita in assoluto, penso che le proporrò di sposarmi quando sarò un ricco praticamente avvocato a stipendio gratuito !

    Ha qualcosa di alleniano questo film !

    RispondiElimina
  5. @Michela: dagliela l'altra possibilità! :)

    @Bruno: ti auguro che accetterà!! anche a me ha ricordato woody allen questo film :)

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a da qui!
Thanks for stopping by!