domenica 31 luglio 2011

Elefanti, Ikea e cinema.



Quando l'altro giorno ho messo piede, per la prima volta, all'Ikea, recentemente aperto a Catania, oltre che da lenzuola coloratissime, poang comodissime, tovaglioli di carta dai colori dell'arcobaleno, altalene da soffitto e altra roba che avrei volentieri comprato tutta, i miei occhi attenti sono stati attratti da questo elefantino di pelouche (che poi ho scoperto essere una sorta di marchio pubblicitario dell'Ikea catanese, perché l'elefante è il simbolo di Catania).
Sorvolando sull'aspetto pubblicitario che a me era completamente ignoto, ovviamente, a chi legge viene spontaneo chiedere... ma tu quanti anni hai?
Ok, è vero... ho proprio (quasi) quell'età che tutti festeggiano come fossero i 18, quell'età che di fatto hai superato o quasi la mezza età effettiva... perché... arrivarci a 80 anni...
però gli elefantini di pelouche hanno sempre esercitato un'attrazione fortissima su di me!
E poi ho una scusa validissima... un paio di bimbi frequentano parecchio questa casa e, già ieri, abbiamo appurato che l'elefantino non attrae tantissimo solo me!


E poi... già che parliamo di elefanti... giusto perché ci sta qui...

Prima di interrompere bruscamente la mia attività scribacchina su questo blog, un paio di mesi fa, parlavo ripetutamente di Water for elephants, film, allora di imminente uscita, con Rob Pattinson, l'attore comunemente noto come the vampire guy from Twilight.
Gli eventi della vita che hanno temporaneamente stroncato la mia ispirazione di blogger, non hanno comunque impedito che trascinassi mio marito al cinema il giorno dell'uscita del film... ovviamente in anticipo, ché non si sa mai, la folla...
Beh... la folla forse c'è nei cinema in America e non alla periferia di Catania... eravamo in tutta la sala una trentina di persone, ma il film è stato bello quanto me lo aspettavo e, secondo me, ha reso piena giustizia al libro - che è uno dei miei preferiti.
Oltretutto, con questo film, ho scoperto Christoph Waltz, che sconoscevo, un attore brillante che ha vinto anche un Oscar, credo per Inglorious bastards... film che non ho visto.
In questa foto qua sotto con Rob Pattinson, durante la promozione del film.


Ma, tornando, all'argomento principale di questo post...

Non ho potuto fare a meno di immortalare il mio nuovo amico sulla comodissima e nuova poang!
Parlando di poang... in molti sapranno che le poang sono poltrone dell'Ikea che vantano due fondamentali pregi... 1) sono comode, 2) sono super economiche.
Io desideravo una poang da almeno quattro anni e finalmente ho coronato il mio sogno... che sogni che ho! :)
L'altro giorno, girando tutto il negozio, ci siamo resi conto in pochissimo tempo che, se ci fosse stato l'Ikea quando abbiamo arredato casa, avremmo speso migliaia di euro in meno. E non è che noi abbiamo arredato casa con mobili in stile Luigi XIV (che, peraltro, nemmeno mi piacciono).
Oltretutto dell'Ikea mi piace proprio la filosofia... il tetto coperto interamente di pannelli solari, gli imballaggi ridotti all'essenziale, il montaggio estremamente facile - anche per me che sono negata -, l'ottima gestione dei cambi merce (che abbiamo potuto sperimentare perché il cuscino della poang era difettoso), la gentilezza del personale - e non solo... ad un certo punto, vedendo in giro solo persone oggettivamente parecchio carine, ci siamo pure chiesti se selezionassero il personale anche in base all'aspetto fisico... :) -, la facilità di consultare le disponibilità della merce sia da postazioni dentro il centro o tramite il sito.
Non so in altre parti d'Italia, ma qui non sono cose che si trovano ovunque.
Mi sa che era vero che ne boicottavano l'apertura (leggende metropolitane - forse - nate perché era diversi anni che si parlava dell'apertura dell'Ikea e la rimandavano sempre... - io addirittura avevo persino mandato un curriculum nel 1998). Infatti, ben presto, in negozi di mobili di qualità media dovranno dimezzare i prezzi o non avranno più alcuna ragione di esistere.

Concludo con lo spettacolo, inquietante per chi ci abita sotto, dell'Etna ieri sera.
Salendo verso casa a mezzanotte, vedendo davanti un fiume rosso in discesa contro il cielo nero, la sensazione era un po' di panico... la luce del giorno, poi, fuga le paure (ma la realtà resta quella).





5 commenti:

  1. Bentornata, bellissimo elefantino...

    RispondiElimina
  2. Grazie per gli auguri e bentornata anche a te ;-)

    RispondiElimina
  3. aaaahhh l'ikea..ci vado giusto domani!! ottima scelta l'elefantino, anch'io quando ci vado porto sempre a casa un peluches, è più forte di me. ;);
    un abbraccio e passa a trovarmi!!
    V.

    RispondiElimina
  4. bentornata! e speriamo che non sparisci di nuovo!
    Temistocle

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a da qui!
Thanks for stopping by!