lunedì 17 ottobre 2011

Piccoli amici crescono


Fonte

In un pomeriggio assolato, ho preso la mia enciclopedia "I Quindici" (edizione con dorsi multicolori, dei primi anni 70, come quella della foto) e, cercando di distrarre il mio piccolo amico seienne dal pensiero di giocare a tennis con le racchette vere nella striscia di prato, che avrebbe comportato la molto probabile perdita delle palline in giro per la campagna del vicino o sul tetto di casa mia, seduti sul prato insieme a una decina di animaletti di pelouche, gli ho spiegato che cos'è una tromba d'aria, cosa sono le costellazioni e come si forma la pioggia e poi gli ho letto alcune indovino-filastrocche, tipo questa (che ricordo a memoria da quasi quarant'anni):
non son pera non son mela
ho la forma di una sfera
il mio succo è nutriente, è una bibita eccellente
non procuro il mal di pancia
ho la buccia e son...

Poi, in un pomeriggio piovoso, guardando La Storia Infinita e Hook, insieme ad un grosso elefante e un panda, il mio piccolo amico mi ha fatto tante domande che mi hanno fatto riflettere 1) su quanto stia crescendo, 2) sul fatto che i bambini fanno domande su tutto, anche su cose su cui, magari, a te, non viene in mente di farti domande, 3) sul fatto che far capire ai bambini concetti un po' astratti non è sempre facile, 4) sul fatto che è bello parlare con i bambini e scoprire quanto siano interessati a quello che gli dici e allora cerchi di spiegare le cose nel modo migliore possibile.

In particolare, ricordo alcune domande che, in qualche modo, mi hanno colpito per il mio sentirmi inadeguata nel rispondergli... anche se il mio piccolo amico ha accettato le risposte di buon grado e pare averle apprezzate.
La domanda più facile, tra quelle "difficili", riguardava Hook, il film su Peter Pan con Robin Williams e Dustin Hoffmann. In questo film, il ragazzo che non voleva crescere mai è diventato l'avvocato Peter Banning, più attento alla carriera che alla famiglia, che ovviamente non ricorda più di essere stato bambino e men che mai di essere stato capace di volare e di aver vissuto sull'isolachenonc'è.
Questa, non si direbbe, ma è una foto che abbiamo scattato mentre eravamo dentro il gioco di Peter Pan, a EuroDisney, nel 2007.
Perché Peter Pan non sa più volare? 
Qui ho risposto pronta, senza impelagarmi in discussioni complicate sugli adulti che non sanno più volare perché hanno dimenticato che le cose importanti sono invisibili all'occhio, come diceva Antoine de Saint Exupéry: Perché è diventato grande e se l'è dimenticato.
E non ha letto Il Piccolo Principe... Aggiunta del momento, dopo riflessione sul film e le analogie, cui non avevo mai pensato, con Il Piccolo Principe.

Le altre domande riguardavano La Storia Infinita, il film, abbastanza mediocre (a mio parere), tratto dal libro di Michael Ende, che invece è bellissimo. Bastian, un bambino, legge un libro magico nel quale si narra di come il regno di Fantàsia stia per essere distrutto dal Nulla e di come Atreiu, il bambino guerriero, tenti di salvarlo. E di come, infine, i due mondi interagiscano.
Perché quel paese (il Regno di Fantàsia) sta per essere distrutto?
Ecco, questa è una di quelle domande che io non mi ero posta e, anche se me la fossi posta, che dire... perché l'uomo ha dimenticato il bambino che era e quindi sta arrivando il Nulla a distruggere il mondo della fantasia?! Qui mi sono un po' impappinata e la mia spiegazione banale e incompleta, ma accettata di buon grado, è stata: Perché ci sono dei cattivi che vogliono distruggere il paese. E il fatto che, giusto in quel momento, fosse inquadrato un cagnaccio cattivissimo con le fauci spalancate, ha in qualche modo reso valida la mia povera risposta.
Come è possibile che quella bambina (l'Infanta Imperatrice, che è dentro il libro), riesca a vedere l'altro bambino (Bastian, il terrestre)
Eh... bella domanda, piccolo amico. Come è possibile? Infatti, di solito, non è possibile, ma questa è una favola.
E perché solo quel bambino li può salvare?
Anche qui ho avuto un momento di impappinamento e poi ho detto qualcosa del tipo che solo i bambini credono al mondo della fantasia e lo possono salvare dal nulla.
Non ha obiettato.

Falkor (o Falcor?), il Fortuna Drago. Personaggio de La Storia Infinita.
 
In conclusione,
il FortunaDrago Falkor ha colpito molto il mio piccolo amico, che però pensa sia un cane gigante volante (e solo per colpa mia che non ricordavo fosse un drago e gli avevo detto che quell'animale che si vedeva sulla copertina del DVD era un cane... a mia discolpa: un po' assomiglia a un cane, anche se ha il corpo da coccodrillo e le zampe da uccello rapace!). Nonostante Falkor, però, credo che Hook sia diventato uno dei film preferiti del mio piccolo amico (ed è anche uno dei miei preferiti).
E' molto bello parlare con il mio piccolo amico

Infine, oggi è il compleanno di un'altra piccola amica.
Auguri S.!



9 commenti:

  1. Anche io adoro Hook! L'anno scorso ho trovato il dvd in un vecchio negozio di dischi e cianfrusaglie e sono risorti ricordi d'infanzia che non puoi neanche immaginare! l'ho comprato e rivisto subito quella sera.
    Trovo che la rielaborazione della storia sia geniale, nonchè un perfetto finale per le avventure di Peter: la cosa migliore è che continua a donare degli insegnamenti semplici che per i bambini sono anche ovvi, ma che per gli adulti è un po' più complesso ricordarsi di seguire.

    Robin WIlliams è sempre stato uno dei miei attori preferiti, se puoi recupera anche Jumanji e Toys (a questo lego un'altra caterva di ricordi, è bellissimo), sono altri due film di Williams che al tuo amico piaceranno di sicuro, e credo proprio anche a te! :D

    Sei stata in gamba con le risposte, soprattutto con quella su Il piccolo principe: quel libro dovrebbe essere letto sia da piccoli, come fiaba, che da grandi, per i ricordi e gl'insegnamenti.

    Concordo sul fatto che il film de La storia Infinita sia decisamente sopravvalutato!

    RispondiElimina
  2. Che ricordo, I Quindici! Ce l'avevano i miei cuginetti, quella piccola enciclopedia dai dorsi colorati, e io gliela invidiavo così tanto...
    Evviva i tuoi piccoli amici (e pure te, naturalmente...) :)

    RispondiElimina
  3. dialogare con i piccoli credo sia la cosa più impegnativa e gratificante che ci possa essere: ti costringono a metterti in discussione continuamente!!!
    Quanti ricordi belli mi hai suscitato...

    RispondiElimina
  4. Avendo una bimbetta di 7 anni, questo tipo di dialoghi sono normali per me. In genere liquido tutto con "ma questo è solo un cartone animato/film, e lì può succedere di tutto".
    Però a volte mi fa anche domande più imbarazzanti tipo "ma cosa succede quando uno muore?"... Mia risposta imbarazzatissima : "onestamente non lo so".

    RispondiElimina
  5. I Quindici... anche mia nonna ha tutta la raccolta. Stupenda e troppo vintage!

    RispondiElimina
  6. "ARANCIA"!!!!!!!!!
    ...indovinato?
    I bimbi di oggi non sono più tonti come lo eravamo noi. Nascono già con senso critico sviluppatissimo, sono razionali e non abbindolabili con risposte scontate. E' un fatto evoluzionistico...altrimenti non potrebbero sopravvivere in questo mondo!
    Comunque sei stata grande!

    RispondiElimina
  7. Sarebbe interessante fare un sola domanmda al tuo piccolo amico: non ti senti fortunato ad avere una amica così brava?

    RispondiElimina
  8. Nooooooooooooo, l'enciclopedia "i quindici"!!! Dimmelo Fra, dimmelo, che anche tu da piccina leggevi e rileggevi il primo volume con le filastrocche e le fiabe! Nostalgia! :)))

    RispondiElimina
  9. @Maraptica: te lo dico! :) le sapevo a memoria... come te immagino! :)

    @il monticiano: che bella domanda... :)) grazie :)

    @Simo: eh sì è l'arancia... non l'ho mai dimenticata questa filastrocca, sarà che l'avrò ascoltata e letta miliardi di volte! :) hai ragione sulla nostra tontaggine in confronto ai bambini di oggi...

    @d'aria: è stupenda davvero! era da un po' che non li prendevo e sfogliare quei volumi è sempre una bella sensazione...

    @ariano: per fortuna il mio piccolo amico non mi ha fatto domande così profonde... ci penseranno i suoi genitori :))

    @luigi: è verissimo! non avendo figli, non è una cosa a cui pensavo, ma da quando il mio piccolo amico sta crescendo (e con lui un altro paio di piccoli amici) me ne rendo conto...

    @zioScriba: :))

    @dailalaps: hook è uno dei miei film preferiti, lo adoro! jumanji pure e lo so a memoria... toys l'ho visto una volta e lo andrò a rispolverare presto... mi fa piacere che pensi(ate) che sia stata in gamba con le risposte, io mi sentivo inadeguata!

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a da qui!
Thanks for stopping by!