mercoledì 2 maggio 2012

Tentativi infruttuosi di riparare l'impianto idraulico

Oggi siamo rimasti senz'acqua, non solo perché era finita la riserva, al momento nostra unica fonte dell'elemento vitale, ma perché si era rotto qualcosa nel motore dell'impianto. Per fortuna, tutti questi operai con cui abbiamo a che fare, che si fanno pagare cari, almeno hanno un grande merito... sono disponibili. Il signor autobotte, ieri, stava rinunciando persino a parte della scampagnata del primo maggio, per venire a portare l'acqua a noi.


Il gentilissimo signor autobotte è venuto a riempire la riserva molto presto questa mattina. Poco dopo, mentre mi accingevo a lavare la montagna di piatti che si trovano dentro al mio lavandino da ieri, mi sono accorta che, nonostante la vasca fosse piena, l'acqua non c'era. 
Rimanere senz'acqua è una delle cose più fastidiose per me, probabilmente peggio che rimanere senza luce... sono lieta di vivere in un paese dove solitamente luce e acqua mancano solo per gravi motivazioni.
Volendo evitare una spesa non prevista, coscienti che l'idraulico è il mestiere più redditizio del mondo (non dimenticherò mai quello che, per mezza giornata di lavoro, per cambiare tre rubinetti - che ho comprato io - e togliere quattro capelli da un tubo mezzo otturato, si è preso 450 euro qualche anno fa), io e il marito abbiamo provato a risolvere la cosa da soli... cioè io, che non posso contare su uno spiccato intuito in faccende di impianti idraulici e elettrici (quando hanno distribuito l'intuito per le faccende domestiche e similari ero fuori, come ho detto sta mattina!), avvalendomi del solo per quanto valido aiuto del marito al telefono, da lavoro, nel mezzo di un'ispezione, ho tentato alcuni esperimenti, conditi da dialoghi al limite del surreale, tipo:
M: "c'è un motore sulla destra, premi il tasto rosso"
F: "ma il tasto rosso con scritto reset o restart?"
M: "reset... restart... che ne so... quello rosso!"
F: "non succede niente premendo qua!"
M: "ma dove stai premendo? ti ho detto il tasto reset nel motore a destra!"
F (pensando aiuto! qual è la destra?!): "ma il tasto rosso con scritto reset o restart?! aspetta che ti mando un mms così mi dici di sicuro dove devo premere" (che queste precisazioni sono importanti, dato che ci sono due motori, uno con scritto reset e uno restart... non si sa mai resettavo qualcosa che non doveva essere resettata affatto!)
M: "restart! ma dove stai premendo?!"
ad libitum

Ovviamente, dopo un po', evidente il fatto che non sarei riuscita a risolvere un tubo nemmeno in dieci ore di tentativi, ci siamo rassegnati a contattare il gentile idraulico dal nome di fiore (oggi, non so se si nota, mi è presa la fissa dei fiori).
Il signor fiore è giunto presto in nostro aiuto e in pochi minuti ha sistemato tutto. E mi ha detto che non era un problema che avrei potuto risolvere da sola... anche se avessi avuto affinità con gli impianti idraulici.
E mentre lavorava, ho fatto queste foto qua.

12 commenti:

  1. Quindi sono fiori del tuo giardino? Bellini :)
    si, invece che un medico, credo sia meglio sposare un idraulico ;)
    Essere senz'acqua è terribile! Odio quelle poche ore quando viene chiusa per lavori in corso. Ma l'incubo peggiore è stato l'anno scorso, quando avevano paura che l'acqua non fosse potabile e non l'abbiamo potuta usare quasi per fare nulla, per la bellezza di due giorni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Spicy: sì sono i fiori del mio giardino (alcuni)! :) belli, danno allegria...

      Elimina
  2. L'acqua è il bene più prezioso che possediamo, chi ha l'acqua corrente in casa (e magari la spreca pure) non se ne rende conto. Tu sicuramente non corri questo rischio ;-)
    P.S.: che bei fiori :-)

    RispondiElimina
  3. Beh, nonostante tutto conservi uno spirito idilliaco, viste le foto! Nella città dove sono cresciuto abbiamo avuto l'acqua corrente solo dopo i primi anni '70; quando poi facevo l'università a Messina, l'acqua c'era solo dalle 5 alle 7 di mattina, ed eravamo in 11 in casa! Quindi dovevo alzarmi alle 5 se mi volevo lavare come si deve. Non avere l'acqua ormai non è più nel nostro stile di vita, per questo dovremmo pensare a chi in vita sua ne ha visto solo qualche goccia!

    RispondiElimina
  4. Hai impiegato benissimo il tuo tempo, le foto sono molto belle.

    Baci

    RispondiElimina
  5. Hai un giardino che incanta Fra... la natura è un'esplosione d'arte in questo mese!

    RispondiElimina
  6. che belle le foto dei fiori! Io adoro fotografarli!
    ti seguo volentieri!

    RispondiElimina
  7. Ho il moroso idraulico e fidati...non sempre è il piu redditizzio....cmq belle le foto dei fiori!! Se vuoi nel mio blog è partito il mio primo giveaway! ti aspetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, hai ragione: in questo periodo è impossibile non fotografare i fiori! Sono troppo belli!

      Elimina
  8. C'è un pensiero per te: http://scarabocchidipensieri.blogspot.it/2012/05/fioccano-premi.html

    RispondiElimina
  9. Ciao!
    Ti avrei coinvolto anche in un giochino tra blog, è un po' lungo però... :(
    http://scarabocchidipensieri.blogspot.it/2012/05/11x11x11x11.html

    RispondiElimina
  10. ma che è, il periodo dei problemi idraulici? Anche io sono stata 2 gg senza poter far scorrere l'acqua nel lavandino della cucina: a momenti mi sparavo! Vedevo pentole, piatti e bicchieri che si riproducevano alla velocità della luce e io lì, sconsolata, senza poter fare nulla se non aspettare l'amico delle tubature :) Tempo 10 minuti et voilà, tutto a posto e devo confessare che non mi ha chiesto cifre esorbitanti, meno male!!!

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a da qui!
Thanks for stopping by!