sabato 31 marzo 2012

Questo è uno di quei sabati.

Non ricordo dove l'ho sentito e come si chiama, ma se non sbaglio esiste una qualche sindrome, o forse meglio dire qualche forma di stress, che porta chi lavora molto a star male quando non lavora.
Io non sono una che lavora molto in senso assoluto, perché riesco a ritagliermi diversi giorni liberi, dato il mio lavoro è autonomo e, come tale, auto organizzato. Però, accanto a periodi in cui lavoro tre giorni a settimana, ce ne sono altri in cui lavoro come una disperata, con poche pause (oltre alle notti). 
In questi periodi, non è raro che mi capiti di risvegliarmi, il sabato, con un gran mal di testa e un senso di spossatezza, che dura giusto il fine settimana (per somma gioia - ironico! - di chi mi sta accanto).
Questo è uno di quei sabati.

Poco fa mi sono imbattuta in un articolo di Stop the censure, i cui contenuti mi hanno dato il voltastomaco. Mi chiedo come sia possibile che il vescovo (e quelli che stanno sopra di lui) siano a conoscenza di un prete maiale e molestatore di uomini (anche minorenni) e lo lascino ancora a dire messa nella sua parrocchia. Ma che schifo è? Questo maiale schifoso sta lì a dir messa, come ambasciatore di Gesù e poi l'ipocrisia pazzesca del tabù dell'educazione sessuale, degli omosessuali, delle coppie di fatto... davvero, ma in che cazzo di paese viviamo?! Ma non si vergognano?!

Poi mi sono imbattuta in un po' di video in cui spiegano qualche cosa sui prodotti che mangiamo abitualmente, in particolare nei fast food. Io veramente non mangio abitualmente nei fast food, però capita. Questo video si riferisce alle chicken nuggets. Praticamente ci buttano dentro di tutto di più, poi macinano ed ecco pronte le gustose crocchette.
Non so quanto sia attendibile la fonte, ma non ho dubbi sul fatto che dica il vero. E fa schifo.

E con queste due cose tanto carine su cui riflettere, per il momento, vi lascio. Io vado a vomitare.

mercoledì 28 marzo 2012

I capelli al centro dei nostri pensieri.

Ho dei capelli che, appena lavati non sono male, ma che, già dopo 24 ore dal lavaggio, se mi osservi bene, sembra che ci ho fatto mezza sessione di spinning. 

 
Quindi per me il lavaggio dei capelli quotidiano è una prassi. Però, stressarli con lo shampoo ogni giorno... mi sa che non fa tanto bene, così ieri ho deciso di non lavarmeli.
Il mio programma era di passare a ritirare una ricetta dal medico e poi andare da un'amica. Nessun impegno di lavoro, che sono quelli in cui cerco di mantenermi il più presentabile possibile.
Mi sono detta "chi mai potrò incontrare?".
Avevo anche deciso, in un primo momento, di mettermi la tuta per uscire.
La tuta è un capo di abbigliamento che, se hai un bel fisico e se la tuta è carina, allora sei WOW! ma se il tuo fisico è quello che è e la tuta è una classica tuta nera di Decathlon... beh.
Alla fine, lo specchio delle mie brame mi ha saggiamente consigliato di evitare la tuta, se non per sessioni di ginnastica o per dormire o per stare a casa sola. 
Così, almeno nell'abbigliamento, mi sono resa presentabile.
Quando ho deciso di non lavarmi i capelli, però, non avevo pensato che, visti gli infiniti problemi di parcheggio sia sotto casa dell'amica sia sotto lo studio medico, avrei sicuramente mollato la macchina da qualche parte e avrei fatto un bel po' di strada a piedi, aumentando non di poco le possibilità di imbattermi in gente conosciuta... trattandosi oltretutto di zona in cui ho abitato e popolata quindi da diversi conoscenti.
E poi, giusto per aumentare lo stato pietoso dei capelli, ieri c'era un caldo pazzesco e io ero vestita come a Natale.
Poco dopo aver parcheggiato la macchina, mi sono imbattuta nel primo conoscente, che non vedevo da diversi anni e con cui, ironicamente, siamo finiti a parlare di capelli... in questo caso erano i suoi, che lo hanno abbandonato quasi tutti negli anni in cui non ci siamo incontrati e ora porta la testa rasata, cosa che oltretutto gli dona. E di certo non potrà non aver notato la mia capigliatura stile spaghetti rimasti sul fondo della pentola e magari avrà pensato "perché non ti radi anche tu? vedi, a me dona, magari dona anche a te".
Dopo nemmeno dieci minuti di strada, il secondo incontro: un'amica di amici. Anche in questo caso, i capelli erano al centro dei nostri pensieri, dato che la tipa stava andando dal parrucchiere e di certo avrà pensato "e tu... perché non vieni con me?".

Cose che succedono tutti i giorni

Abitare in un vicolo pressoché cieco ha i suoi pro e i suoi contro. 

Tra i pro, c'è che non ho problemi di parcheggio e che mai più dovrò fare giri e giri dell'isolato per poi trovare posto lontanissimo, magari mentre mi scappa pure la pipì! Oppure che non so più cosa sia il rumore dell'ascensore, del traffico, delle altre macchine o di qualunque cosa non sia uccellini cinguettanti e occasionalmente grilli o altri insetti.

Tra i contro, c'è che ho sempre avuto un po' di timore di disastri naturali che si abbattono sulla mia unica via di fuga e di rimanere bloccata... ho sempre pensato a cose catastrofiche come incendi, colate laviche, crateri che si aprono a dieci metri da casa... ma non avevo ancora pensato a questo.
Che, in un giorno feriale qualunque e senza preavviso, avessero potuto decidere di asfaltare l'unica strada da me percorribile in macchina per uscire da casa, se, per caso, ne avessi avuto esigenza... che ne so, per andare a lavorare.
E chiaramente sull'asfalto appena buttato non si passa. 


Condizioni disastrose in cui versava la strada prima dell'invervento di cementificazione del vicino.


  Comunque, dato che la strada, prima dell'intervento odierno, era in quelle condizioni (vedi foto), c'è solo da ringraziare chi ha fatto il lavoro... dato anche che chi lo ha fatto non era tenuto... però, la prossima volta, se vedi la mia macchina lì parcheggiata (e lo sai che esco quasi tutti i giorni), prima di bloccarmi nel mio piccolo mondo bucolico, almeno dimmelo, che in caso esco prima.




sabato 17 marzo 2012

Meme: dove sarò domani?

Questo bel meme lo hanno fatto in tanti e ho deciso di farlo anche io. 
I futuri da descrivere erano cinque, ma a me ne sono venuti in mente solo quattro. Anche perché dopo l'angoscia dell'ultimo, non sapevo più che scrivere! O meglio, un'idea mi era venuta, ma era troppo triste e macabra per metterla qui. :) 
Nessuno dei quattro futuri lo vedo come probabile. 


UNO

 
Come la Rowling
Finalmente mi sono decisa a completare il mio romanzo, rivoluzionando completamente alcune parti, rendendolo adatto ad un pubblico di bambini/ragazzi dagli otto ai quindici anni.
L'ho pubblicato sul blog ed è piaciuto! 
Dall'oggi al domani, si è diffuso ed è diventato famoso. 
Una casa editrice si è accorta del fenomeno e ha deciso di pubblicarlo. 
Lo abbiamo un po' modificato, aggiunto qualche illustrazione ed è venuto fuori un bel romanzo illustrato per adolescenti. 
Nulla a che vedere con Harry Potter o Twilight.
Ci hanno fatto pure su un film e io sono diventata famosa (e pure ricca). 
Mi invitano in trasmissioni in cui odio andare, per parlare sempre delle stesse cose. 
Cosa ti ha ispirato? 
Quanto c'è di te nelle due protagoniste della storia?
Ti piace il film che ne hanno tratto? 
Secondo te chi è più sexy Sergio oppure Tramp? 
La sopraggiunta improvvisa ricchezza non ci ha cambiato di una virgola, soltanto il marito ha potuto mollare il tedioso lavoro e dedicarsi al suo hobby, costruisce e a volte vende oggetti e mobili in legno. 
Io continuo a lavorare per hobby, solo in un paio di aziende, dove continuo a essere sottopagata. 
Ma va bene così.


DUE


Ho piantato baracca e burattini
Dopo aver tentato di barcamenarmi con il lavoro qui, senza alcun successo, cinque anni fa ho deciso di chiudere l'attività e partire.
Mi sono trasferita a Londra, in un appartamento di due vani in zona Russell Square. E pochi mesi dopo, mi hanno raggiunto alcuni amici e parenti, anche loro scappati dall'Italia.
Distribuisco audioguide alla National Gallery, ho imparato perfettamente l'inglese e sono serena.
Torno a casa ogni volta che posso, approfittando di tutte le offerte che trovo su internet. Prenoto i voli anche un anno prima. Non ho più paura dell'aereo.


TRE


Ho sfondato in patria
Tramite passaparola, il mio nome è arrivato alle orecchie del titolare di una grossa azienda. Dopo un periodo di consulenza e poi di lavoro da dipendente come responsabile della qualità, sono stata assunta come responsabile della formazione del personale.
Per lavoro viaggio molto, vado spesso a Londra e NYC.
Ho il lavoro dei  miei sogni: organizzo i percorsi formativi del personale, contatto i docenti, organizzo le dispense.
Lavoro solo sei mesi l'anno, con uno stipendio da favola. Ho comprato una villa in collina, con piscina coperta e piscina esterna. Già ho predisposto la costruzione del campo da tennis e del maneggio, dove farò in modo di fare anche della pet therapy. Ho anche riacquistato la villa dei nonni in collina a Pecetto Torinese e ci passo due mesi l'anno: uno in primavera estate, quando i campi e i boschi hanno dei colori bellissimi e facciamo lunghe passeggiate e uno in inverno, per andare a sciare.


QUATTRO


 Triste ritorno al passato
Anche l'ultima fattura dell'anno è rimasta inevasa e ho esaurito i soldi del conto in banca. Nessuno mi fa credito perché non ho un reddito decente. Ho smesso di lavorare perché non ho più i soldi per comprare la benzina che è arrivata 5 euro al litro. Il marito mi ha lasciato perché mi è venuta la depressione, sono ingrassata e peso 150 kg e piango tutto il giorno. Sono tornata a vivere dai miei nella mia cameretta e passo le mie giornate leggendo i miei diari di quando avevo quindici anni.



lunedì 12 marzo 2012

Scarpe strane - parte seconda

Ho già postato qua la prima parte di questa specie di rubrica.
Siccome me ne trovo sempre davanti di nuove, voglio deliziare anche voi con questa piccola raccolta. 
Personalmente le trovo tutte orrende quasi a pari merito, con punteggio dell'orrore molto elevato!
Alcune di queste sono pure d'alta moda, anche se, onestamente, mi chiedo chi possa avere gusti tanto stravaganti e in alcuni casi proprio dell'orrore.
Comunque... ho sempre detto che io non ci capisco nulla di alta moda!







 
Tutte queste le immagini le ho trovate su tumblr (chiave di ricerca: shoes).

Saranno di ghiaccio?! Plastica?!


 Parlavo di haute cuture... questo modello e quello immediatamente sopra sono di Balenciaga. Questi in effetti non sono proprio orrendi, ma di certo sono strani... e comunque non credo che li indosserei mai.

Questo di Alexandre Mc Queen... questi vasi antichi ai piedi devono di certo essere molto comodi!!!




Ecco, queste sono proprio inguardabili... ma perché questo "tacco" forgiato come se fossero i denti di una belva?


Tutte le altre immagini le ho trovate su google, chiave di ricerca "haute cuture shoes".

sabato 10 marzo 2012

E se avessero usato la cera pongo al posto del cemento?

Continua la saga delle nostre avventure alla ricerca di un po' di giustizia, in un mondo che sembra premiare solo i disonesti o i raccomandati (indipendentemente se siano onesti o meno).
Ovviamente ce l'ho con l'impresa inadempiente e, al momento, un po' anche con il comune (non è un caso che lo abbia scritto minuscolo!).
Perché il comune sembra tutelare le inadempienze dell'impresa. 
E al comune, quando dico in che condizioni è la strada comunale in cui vivo, mi rispondono "E lei perché è andata a vivere là, prima che la strada fosse completata?".
Già... che bella domanda. 
Mah... vediamo di dare una risposta a questa risposta/domanda del piffero... Perché le altre ville, costruite insieme alla mia, erano ancora in costruzione e quindi io sono andata a stare, a tutti gli effetti, in mezzo a un cantiere, in cui il comune mi ha comunque dato la residenza? 
Perché c'era un qualche documento che diceva che entro il 2011, la strada sarebbe stata completata (e infatti io me ne sto lamentando adesso)?
Non so se l'ho già detto, ma l'ultima volta che il signore dispensatore di acqua con l'autobotte è venuto a rifornirci, ci ha detto che se le condizioni della strada non migliorano, lui non viene più perché gli si rompe l'automezzo. 
Quindi, c'è il rischio concreto che noi si rimanga completamente senz'acqua e a questo punto si dovrà andare da qualche altra parte. Questa è una cosa a cui non ho ancora pensato con la giusta attenzione, ma è sconfortante.
Ma dimentichiamoci del comune e andiamo agli ex amici dell'impresa inadempiente... sì, perché credo di averlo già detto, erano amici. Solo che questi amici, la nostra amicizia l'hanno mandata a farsi benedire nel momento in cui abbiamo finito di pagarli (uno dei pochi casi in cui la casa è stata pagata prima della consegna), non rispondendo più alle nostre telefonate e lasciandoci con le pezze a c.lo, come si suol dire, con diverse cose.
E, dopo non averci calcolato per due anni, adesso, che - per riuscire ad avere la loro attenzione - ci abbiamo messo di mezzo gli avvocati, tirano fuori la faccenda dell'amicizia.

Beh, lasciamo stare pure loro e parliamo del muratore e di quello che ha trovato, quando si è fatto una passeggiata sul tetto, tentando di capire perché ci si fosse allagata la casa l'altro giorno.
Io so vagamente cos'è una guaina impermeabilizzante e, tra le cose vaghe che so, c'è che tale oggetto va in qualche modo appiccicato alla superficie, non lo puoi lasciare soltanto appoggiato in un punto e sperare che se ne stia fermo immobile, anche quando c'è il ciclone. Ci avrei pensato persino io che non costruisco case per professione.
Beh, il muratore ha trovato questo:


Quella guainetta nera lì ha tre superfici libere, quindi, poggiata così, quando c'è vento, diciamo che non serve a una mazza. E infatti da quella canna lì mi pioveva l'altro giorno in casa.
Se, poi, spostate lo sguardo a destra, notate, pendere dal tetto più in alto, un... come si chiama? collettore forse, che, invece di avere il suo tubo fino a terra, scarica tutta la pioggia del mondo in un unico punto del nostro tetto... e certo che ci ha piovuto in casa anche da lì!

Adesso queste cose sono state sistemate dal nostro muratore, che, nel frattempo, si è accorto anche che le grondaie non erano mai state pulite dopo la fine dei lavori ed erano piene di cicche di sigaretta, calcinacci, pezzi di plastica di varie dimensioni...

Che alcuni di coloro che hanno lavorato alla realizzazione di casa nostra non fossero esattamente dei geniacci con molta voglia di lavorare, me n'ero accorta da tre principali fattori:
1) Il primo, senza ombra di dubbio, è stato quando uno di loro ha fatto la pipì in uno dei gabinetti quando ancora non c'era l'acqua, quindi come se avesse fatto la pipì in un gabinetto montato nel negozio di sanitari... che genio. Se sperava che non se ne accorgesse nessuno, ha toppato... impossibile non notare la pozzetta giallina sul fondo del gabinetto, oltre la puzza ovviamente.
2) Nessuno ha mai brillato per educazione, dato che hanno sempre buttato a terra ogni genere di porcheria e, passi mentre la casa è ancora un cantiere, ma quando c'è già il pavimento, oltretutto un bel pavimento, e la casa già pulita, la cosa fa incazzare!
3) Nessuno si è mai distinto per voglia di lavorare... ho fatto pochi blitz durante i lavori, ma in quelle occasioni in cui mi è capitato di recarmi a casa per fare dei controlli, indipendentemente dall'orario, erano sempre tutti seduti che fumavano, mangiavano o dormivano... Ecco forse perché, dacché la casa doveva essere consegnata a dicembre, la data è slittata a maggio e poi a fine luglio.


Vedendo come sono stati fatti alcuni lavori, l'intonaco che si stacca in diversi punti e una grossa crepa nel muro dello studio, mi chiedo se non dobbiamo preoccuparci anche di cose più gravi, tipo che hanno usato la cera pongo invece del cemento.

Il trailer di On The Road, Kristen Stewart e la fandom di Twilight

Clicca per guardare il trailer (in inglese)
"Perché per me l'unica gente possibile sono i pazzi, quelli che sono pazzi di vita, pazzi per parlare, pazzi per essere salvati, vogliosi di ogni cosa allo stesso tempo, quelli che mai sbadigliano o dicono un luogo comune, ma bruciano, bruciano, bruciano, come favolosi fuochi artificiali color giallo che esplodono come ragni attraverso le stelle e nel mezzo si vede la luce azzurra dello scoppio centrale e tutti fanno Oooohhh!"

Sam Riley è Sal (seduto dietro), Garrett Hedlund è Dean e Kristen Stewart è Marylou.
Altri attori famosi fanno parte del cast, come Viggo Mortensen, Kirsten Dunst, Amy Adams, Tom Sturridge e altri ancora.
Se interessa a qualcuno, qui c'è la pagina facebook del film.

 Il libro, come ho detto qui, non è tra i miei preferiti, soprattutto per lo stile con cui è scritto, ma questo trailer... lo trovo bellissimo.  
Mi sembra che abbiano colto in pieno lo spirito del libro.

“We sat in the front seat, all three. Marylou took out cold cream and applied it to us for kicks. Every now and then a big truck zoomed by; the driver in high cab caught a glimpse of a golden beauty sitting naked with two naked men: you could see them swerve a moment as they vanished in our rear-view window.”

Una cosa che mi ha colpito è il fatto che, a pochissime ore dall'uscita del trailer, c'è già chi critica il film e, soprattutto, critica lei. 
Kristen Stewart.
Kristen... che è la Bella Swan di Twilight.

Non ho mai fatto mistero di essere una fan di Twilight e il motivo per cui lo sono diventata, oltre al fatto che i libri mi sono piaciuti molto, è che mi sono piaciuti Rob Pattinson e Kristen Stewart, che hanno interpretato Edward e Bella al cinema.

Rob e Kristen in una scena di Breaking Dawn.
 
Dopo averli "conosciuti", quindi ho voluto cercare notizie su di loro, ascoltare le loro interviste, guardare i loro film e mi sono ritrovata a far parte di una fandom molto eterogenea, appassionata e - in alcuni casi - assolutamente folle.

E infatti, dicevo... c'è già chi critica Kristen che, soprattutto, è la ragazza di Rob.

Rob e Kristen dietro le quinte della scena del matrimonio di Breaking Dawn.


Infatti, Rob, tra le fans, purtroppo, annovera anche un gruppo di donne (purtroppo non solo ragazzine, ma anche donne adulte) completamente matte, che scrivono petizioni alle case produttrici dei suoi film per bandire Kristen dalle prime, che lo insultano apertamente sui loro blog perché sta con lei (oltre a insultare e minacciare lei, dicendo una serie di cattiverie che davvero...) e cose del genere... che fanno rabbrividire.

Già solo perché è il bersaglio di questo gruppo di smandrappate, istintivamente, Kristen mi fa una gran tenerezza e sono e sarò sempre totalmente dalla sua parte. 

Ma inoltre, Kristen è una ragazza che, oltre a essere oggettivamente molto bella, a soli 21 anni, ha al suo attivo, oltre 20 film.
Una ragazza che viene criticata perché non sorride ai paparazzi... avvoltoi che la seguono ovunque (quelle rare volte in cui riescono a beccarla, dato che lei e Rob, dopo tanti anni, sono diventati molto bravi a sgattaiolare da uscite secondarie negli alberghi oppure frequentare posti molto poco alla moda), che le gridano bestialità lette sui giornalacci di gossip (e la insultano pure) e c'è chi la critica perché lei talvolta li manda affanculo... Sfiderei chiunque a sorridere di fronte a un'invasione della propria privacy di tale portata e a gente che ti chiede se ti piace il c.zzo di Rob (questa è una delle cose che una volta qualcuno le ha gridato - le ha chiesto qualcosa tipo "how's rob's dick" o una porcheria del genere, non ricordo -, mentre le scattava duecentomila fotografie, seguendola all'aeroporto o da qualche altra parte). 
Io non ero a conoscenza di queste cose prima di avvicinarmi a questa fandom, adesso, dopo aver visto anche qualche video, posso dire che i paparazzi sono gente disgustosa e non capisco come faccia il loro "lavoro" a essere legale. Boh... soprattutto poi, dopo avvenimenti gravissimi, tipo la morte di Lady D., proprio mentre cercava di sfuggire a questi avvoltoi.

 Un'altra critica che viene fatta frequentemente a Kristen è che non sa recitare e che ha una sola espressione.
Oltre che dalle donne gelose (di cui non perdo altro tempo a parlare), tale critica talvolta viene mossa anche da altri. Mi chiedo quanti di questi altri abbiano guardato qualche altro film in cui Kristen recita, oltre a Twilight, nel quale è doppiata (oltretutto da una che non le rende per niente giustizia, secondo me).
Chi mi segue sa quanto odio il doppiaggio e come penso che doppiare un attore, equivalga a eliminare una enorme parte della sua recitazione... tipo, immaginereste un Verdone doppiato da un doppiatore americano?! Quante probabilità avrebbe di far ridere quanto Verdone non doppiato? Nessuna.
Mi viene in mente Verdone perché ho visto recentemente "Posti in piedi in paradiso", che mi ha fatto morire dalle risate.

Oltretutto, anche in Twilight, Kristen mi sembra tutto fuorché mono espressiva, tipo... lo avete guardato Breaking Dawn?
Kristen insieme al pupazzo che è stato usato per alcune scene in Breaking Dawn.

Kristen in una scena di Breaking Dawn.


Kristen ha girato alcuni film nei quali la sua performance è straordinaria, in particolare penso a "The cake eaters" un film bellissimo, ovviamente non uscito in Italia nemmeno in DVD, nel quale intepreta una ragazza malata di una malattia degenerativa neuromuscolare e lo fa in maniera intensissima.
Oppure mi viene in mente "Welcome to the Rileys", un altro film drammatico, nel quale interpreta una spogliarellista ed è eccezionale.
O ancora "Speak", "The yellow handkerchief", "The runaways", "Adventureland", "Into the wild" (in quest'ultimo ha una piccola parte, ma direi che si fa notare).


Kristen e William Hurt in una scena di "The yellow handkerchief" (2008).


Kristen in una scena di Speak (2004).


Welcome to the Rileys (2008).

The Runaways (2009). Kristen interpreta Joan Jett.

 Per concludere questo mio post da perfetto esponente del KDA (Kristen Defender Army), aggiungo che qualunque regista e qualunque attore con cui Kristen lavora dice di lei sempre e solo cose molto belle.

Direi che... ci sarà un motivo!


Ovviamente, ognuno ha le sue opinioni... se avete visto tutti i suoi film e se continuate a dire che Kristen non sa recitare, significa che abbiamo gusti diversi. Amici come prima. :)






giovedì 8 marzo 2012

Stones are hailing down

One of my dearest from across the ocean friends, sometimes, reads this blog and she doesn't know the italian so she uses google translator.
The other day, I tried to read the singer frog post in english (to see what she read) and I was kinda horrified by the translation made by google!! :)) 
I'm not blaming google, it's difficult to translate sentences from one language to another... not knowing all the idioms and stuff.
Anyway, I'm posting this in english and in italian.
The english is my macaronic english, but I know she understands me. :)

Une delle mie più care amiche oltre oceano, ogni tanto, legge questo blog e, siccome non conosce l'italiano, usa il traduttore di google. L'altro giorno ho provato a leggere un post come lo aveva letto lei, quello della rana canterina, in inglese e sono rimasta scioccata dalla traduzione di google! 
Ovviamente un traduttore non può tradurre bene intere frasi, non conoscendo bene i modi di dire e anche il modo di scrivere dell'autore!
Comunque sia... questo post è in inglese e in italiano.
L'inglese è il mio inglese maccheronico, ma io so che lei mi capisce! :)




They say "It's raining cats and dogs" (or dogs and cats... whatever!). 
Yesterday it rained all the cats and the dogs of the world!
Then, yesterday evening... stones were hailing down!
Literally... ice stones! 
At some point of the evening, the lights went off (this always happens here when it rains a lot) and we started to hear a lot of noises, like if Polypheme was throwing stones all around!
Hubby opened the window shutter and he was like "hey, come here... everything is white"... contemporary my friend and neighbour texted me "it's raining stones!"... and it really was.


(La prima frase, tradotta letteralmente, in italiano non ha senso)
Ieri ha piovuto a catinelle e di sera ha gandinato sassi!
Letteralmente... SASSI di ghiaccio.
Ad un certo punto, è andata via la luce, come spesso accade qui quando piove forte, e abbiamo inziato a sentire dei rumori come se Polifemo fosse fuori dalla porta e tirasse pietre in giro!
Il marito ha aperto la persiana ed è rimasto incantato alla vista del prato completamente bianco, nel frattempo la mia amica e vicina di casa mi ha mandato un sms con scritto "Piovono pietre".
Ed era davvero così.


I've always thought that one day Mother Nature will fuck off the humans and there will be some kind of The day after tomorrow scenario... human beings will disappear and the world will start off again from the very beginning.
I'm not saying that a simple stones hailing it's the end of the world, but it made me think about that.


Ho sempre pensato che un giorno Madre Natura manderà affanculo l'umanità e accadrà qualcosa come nel film The day after tomorrow... la razza umana scomparirà e il mondo ricomincerà da zero.
Non dico che una semplice grandinata di sassi sia la fine del mondo, ma mi ci ha fatto pensare.



martedì 6 marzo 2012

Dieci semplici piaceri dell'anima.


L'immagine - che trovo bellissima - non è mia, l'ho trovata qui.

Grazie a rossorosso che mi ha coinvolta in questo giochino, ecco i miei dieci piaceri semplici ma significativi. 
L'ordine è abbastanza casuale e sono certa che, appena cliccherò su "pubblica", me ne verranno in mente altri dieci. Ma lascio questi qui.

Primo.
Nuotare sott'acqua guardando il fondale, quando l'acqua è limpida e la spiaggia è di sassi e poi girarsi a pancia in su e guardare il sole attraverso la superficie dell'acqua, mentre si risale.
Secondo.
Passare tempo con le persone a cui voglio bene e ridere insieme a loro.
Terzo.
Leggere. E trascorrere ore e ore nelle librerie (reali oppure online).
Quarto.
Scrivere quando ho l'ispirazione.
Quinto.
Giocare con le mie "canille".
Sesto.
Ripulire con le dita la scodella in cui ho impastato gli ingredienti per una torta (e mangiarli) e mangiare il pane in pasta crudo.
Settimo.
 Guardare i dietro le quinte dei film che mi sono piaciuti.
Ottavo.
Trascorrere ore nelle erboristerie.
Nono.
Viaggiare, sfogliare le guide turistiche e organizzare i nostri viaggi.
Decimo.
Addormentarmi in macchina di sera, se alla guida c'è qualcuno di cui mi fido e che in quel momento è perfettamente sveglio.


Non coinvolgo qualcuno in particolare, 
ma coinvolgo chiunque si voglia sentire coinvolto!