sabato 22 settembre 2012

Pensieri sparsi

Ho appena deciso che le Mondine Balocco sono tra i miei biscotti preferiti. Questa dovrebbe essere una buona ragione per evitarle la prossima volta che le vedo al supermercato, se no finisce che mi mangio tutto il pacco da sola.
Sto leggendo La casa sopra i portici di Carlo Verdone e lo trovo un libro molto bello. Sembra di ascoltare Carlo Verone che racconta. Carlo scrive come parla e siccome mi piace molto come parla...
Non sopporto le raccomandazioni, soprattutto quando raccolgo l'eredità di un raccomandato. E so che questa eredità me la piangerò fino alla fine, qualunque cosa comporti.
L'altro giorno un ispettore mi ha detto "Lei mi piace perché è una che ragiona sulle cose". Non dovrebbe farmi piacere, perché, purtroppo, conferma solo che la maggior parte della gente che fa il mio lavoro non ragiona affatto.
Odio profondamente lavorare durante i week end. Se ho anche mal di testa, l'odio è centuplicato.
La mia vecchia Punto - che avevo dato per dispersa, dopo il fallimento del concessionario che l'aveva in conto vendita -, ho scoperto essere stata derubata del motore ed essere rimasta abbandonata alle intemperie per un lungo periodo. Avevo da tempo pensato che l'avrei regalata, adesso non la vorranno nemmeno in dono, mi toccherà rottamarla. Peccato, con un pieno ci facevo due settimane. Con la Getz i consumi sono molto diversi.
Ce n'è sempre una, per cui rimango di sasso a pensare Ma dove caxxo ho sbagliato? Anche se, questa volta, mi sa che l'errore non è stato mio.
Non sopporto i pettegolezzi e chi condisce gli eventi (senza pensare alle conseguenze, peraltro). In un paio di occasioni, ho scoperto che alcune mie azioni erano state riportate ad altri, con l'aggiunta di condimenti abbondanti e piccanti... così, una volta, un bacio - per quanto appassionato - scambiato in macchina con un tale sotto casa in una serata estiva è stato riportato come Lo stanno facendo in tutte le posizioni... un'altra volta, la mia affermazione Tizio mi piaceva quando avevo sedici anni è stata riportata come Sono (ancora) innamorata di Tizio (anche se di anni ne ho 30 e non lo vedo da 14) e faccio di tutto affinché lasci la sua ragazza, per poterci finalmente mettere insieme. Notasi che tale ultima affermazione era stata spettegolata alle orecchie della mamma del mio ragazzo Sempronio, che, allarmata, aveva chiesto informazioni al figlio che, fidandosi di me, si era fatto una risata. Per fortuna.

Infine, oggi è uscita questa. Breaking Dawn part 2 si avvicina.


mercoledì 19 settembre 2012

Cosa sarà mai questa cupola?

Stephen King è sempre stato uno dei miei scrittori preferiti, anche se ultimamente... o sono cambiata io o è cambiato lui! 

Io un po' sono cambiata, in effetti, ma mi pare che lui abbia perso un po' di quella verve che ha sempre avuto. O forse è anche naturale che, dopo aver scritto decine di libri, ti manchi un po' l'ispirazione.
D'altra parte, se non sbaglio è proprio lui che ha detto che scrive come fosse un lavoro, si siede e scrive che ne so dalle 8 alle 14, a comando (mi sta vendendo il dubbio che lo abbia detto qualcun altro, ma comunque mi sa che lo fa anche S.K.).
Come si fa?
Boh. Io non ci sono mai riuscita... purtroppo. Altrimenti avrei completato quei due pseudo romanzi che ho bloccati a pochissima ispirazione dalla fine!!
Comunque, la cosa di scrivere a comando, inevitabilmente, può portare a scrivere cose senza troppa ispirazione, ma costruite a tavolino e prive di verve, appunto.

Questa introduzione un po' farneticante, per dire che sono finalmente riuscita a finire The Dome, che sostava sul mio comodino da un paio di anni. Lo avevo iniziato e mollato un po' di volte, poi, un paio di settimane fa, mi sono imposta di leggerlo.

******** SPOILER ALERT *******
******** RACCONTO LA FINE! **********


 The Dome - La Cupola
Un giorno, all'improvviso, una cupola piove dal cielo a intrappolare un'intera città. 
Nulla entra e nulla esce. Le macchine, gli aerei e gli uccelli si schiantano. L'aria e i corsi d'acqua non la oltrepassano, se non in minima parte. Gli abitanti non hanno scampo: se la cupola non sarà rimossa, sono destinati a fare la fine del topo.
Della situazione critica, approfitta l'uomo più potente e spietato della città (Big Jim), che, coadiuvato dal suo figliettino "un tantino" perverso e malvagio, non esita a mettere in atto crimini tremendi per poter mantenere il potere ed evitare che vengano scoperti i suoi grossi scheletri nell'armadio, che lo porterebbero dritto in prigione.
Dall'altro lato, Barbie, il fulcro della controparte buona, cui Big Jim dà parecchio filo da torcere.
(Barbie vs Big Jim... se fosse stato Ken vs Big Jim sarebbe stato anche più divertente)
 Omicidi e violenza gratuita, inframmezzati, ad evidenziare che, quando autorizzate, anche alcune tra le cosiddette brave persone non esitano a cedere ai loro istinti selvaggi. 
(Cosa peraltro io credo accada anche nella realtà) 
 Alcuni ragazzini scoprono l'origine della cupola e qualcuno ipotizza che sia opera degli alieni.
Nel frattempo, un paio di psicopatici provocano un incendio che ammazza quasi tutti gli abitanti, costringendo i pochi sopravvissuti a respirare l'aria delle ruote dei furgoni. 
Fino a quando, a qualcuno, non viene in mente di dialogare con gli alieni, di implorarli. 
E loro si impietosiscono. E il libro finisce.
 
 Dopo un avvio un po' stentato, The Dome mi ha tenuta incollata sino circa a pagina mille e poi lo avrei posato nuovamente sul comodino, senza nemmeno leggere la fine. 
Cos'è questa dannata cupola? 
Devo dire che non me ne importava nulla.
Mi è sembrato che tutta la fine sia un po'... boh...
forse costruita troppo a tavolino, senza uno straccio di ispirazione?! 
Ho impiegato circa dieci giorni a leggere le ultime cento pagine, mentre avevo impiegato tre giorni a leggere le mille precedenti.Il mio sesto senso aveva comunque ragione, forse avrei fatto meglio a mollarlo, perché la fine non mi è piaciuta per niente. 
Bambini alieni che "giocano" con gli umani, come i bambini umani "giocano" con le formiche, divertendosi a distruggere le loro case e ammazzarle. Sebbene io pensi che una cosa del genere possa accadere e non me ne stupirei minimamente, la conclusione mi è sembrata troppo riduttiva, semplicistica... in tre pagine, qualcuno convince i bambini alieni a rimuovere la cupola che ha creato così tanto male e...

tutti (i sopravvissuti) vissero felici e contenti?! 

Mah. 

Certo, una fine così riduttiva potrebbe anche essere voluta... proprio per mettere in luce come le azioni che agli alieni sembrano così stupide e prive di conseguenze sono in realtà di enorme impatto sulla vita degli umani, così come quelle di noi umani che ammazziamo le formiche.
Però non mi ha convinto.

lunedì 10 settembre 2012


 Anche quest'anno, le vacanze sono finite... è già il 10 di settembre e anche questo, così come gli ultimi anni, mi sembra sia volato via con una velocità supersonica. Quasi da fare spavento. 
E pensare che, da piccoli, il tempo non passava mai.
Ricordo fin troppo bene quei nove mesi di scuola come interminabili, in cui spingevo i giorni affinché passassero in fretta. 
Potessi tornare indietro, non li spingerei più. 
Ma queste sono cose che si dicono solo da grandi.

Dal momento che non voglio abbandonarmi alla malinconia, come sta per succedere, tronco qui e aggiungo solo qualche foto, testimonianze di un paio di bei posti in cui siamo stati durante le (sempre brevi) vacanze.

Il mare di San Lorenzo (Marzamemi) è sempre il più bello. E' quello in cui torniamo sempre, più volte. La foto, per quanto meravigliosa, non riesce a rendere perfettamente la spettacolarità e la trasparenza assoluta di questo mare. Ci siamo tornati in settembre, la spiaggia era per noi e pochissime altre persone e questo ha reso la nostra mini vacanza ancora più bella. Farsi il bagno ed essere l'unica persona in acqua per tutta la spiaggia è... WOW! Oltre che un po' impressionante.
Questo è un altro dei mari più belli della Sicilia (secondo me), quello di Isola delle Correnti, Porto Palo di Capo Passero. 
Un tramonto spettacolare, quello nell'acqua.

Quest'altro posto spettacolare è Scala dei Turchi, in provincia di Agrigento. Suggestivo, davvero, con questa parete gigante di roccia bianca che scende nel mare.

 
Le foto qui sopra, che concludono il mio reportage, sono state scattate a Porto Palo di Menfi. Un altro bel posto di mare.



Infine, non c'entra nulla, l'altro giorno è uscito un altro trailer di Breaking Dawn part 2 (sottotitolato in italiano).