sabato 2 febbraio 2013

Cena handmade e vegan - aggiornato con foto e altro

Ieri sera, ho preparato una cena tutta handmade e vegan.
Non era nulla di particolare, ma ne sono contenta, perché di solito non ho né il tempo né la voglia di preparare cose che trovo benissimo già pronte sul banco del supermercato.
Però, ieri c'erano le condizioni "giuste" e penso sempre che voglio iniziare a fare le cose da me, per risparmiare, principalmente e per essere certa di quello che mangio, in secondo luogo.
Ho iniziato con il pane, con la collaborazione attiva della macchina per fare il pane, che, a dire il vero, fa tutto da sola. Poco da commentare. Come prima volta, ho provato quello che il ricettario della macchina chiama "Pane normale" (fatto con farina per pane) ed è venuto fuori un pane buono, anche se è un pane stile pane in cassetta, che non a tutti va a genio. Ma almeno sai cosa ci hai messo dentro e che lo hai fatto con le mani pulite! La prossima volta lo farò alle nocciole oppure al pesto oppure con i cereali... non so. Mi ispira la cosa che posso metterci dentro quello che voglio. Ad esempio pezzi di cioccolato fondente, oppure la ricotta. O ancora i semi di girasole.
Quindi, mi sono buttata sul latte di nocciole.
Dopo aver lasciato 85 gr di nocciole a bagno per due ore in un litro di acqua, le ho frullate con circa 70 cl della stessa acqua e ho filtrato (più volte perché se no rimane molto granuloso). E' venuto fuori un latte buono che sa di acqua e nocciole, però, per me, il gusto è troppo slavato... Penso che la prossima volta lo dolcificherò un po', magari con della vaniglia e, probabilmente, metterò meno acqua.
Poi ho deciso di fare la crema di nocciole, che viene chiamata Nutella vegan.
Ho seguito questa ricetta, però non in maniera scrupolosa perché avevo meno della metà dello zucchero richiesto e ho aggiunto un po' di cacao amaro a occhio, inoltre, ho usato latte di nocciola al posto del latte di soia. La crema di nocciole è venuta buona, anche se avrei dovuto frullare le nocciole ancora più finemente, perché si sentono in mezzo alla crema. Chiaramente, però, non è Nutella. Il sapore non ha nulla a che vedere, sono cose completamente diverse e chiamarla Nutella vegan, secondo me, è fuorviante. Ho deciso, comunque, che la prossima volta proverò questa ricetta.
Infine, ho fatto le crepes
Per l'impasto, ho frullato 130 gr di farina, 20 cl di latte di riso e un paio di cucchiai di olio d'oliva (con questa dose, vengono circa 4 crepe di grandezza medio piccola, una cena per due che non hanno fame o per uno molto affamato!). Su queste non ho nulla da ridire, mi sono piaciute moltissimo. L'unico accorgimento che adotterò è che, se le farò tutte salate, aggiungerò del sale nell'impasto.


Note di qualche giorno dopo

Questo è il primo pane che ho preparato, il pane "normale"
Questo, invece, è il pane che ho preparato un paio di giorni dopo ed è pane all'olio, preparato con un misto di farina 00 e farina per pane e con aggiunta di olio. Il marito l'ha definito al limite dell'immangiabilità.
A me è piaciuto, anche se, a dire il vero, è molto denso. 

Anche se è da pochissimo tempo che uso la macchina del pane, ho capito che il "segreto" sta nella farina, nelle miscele di farine che si usano e nel trovare le dosi giuste (o seguire correttamente le ricette che si trovano a tonnellate, su internet). Ad esempio, il pane all'olio qua sopra, mi è venuto "male" perché non ho seguito scrupolosamente le istruzioni: ho miscelato la farina 00 con la farina per il pane, quando la ricetta voleva che la miscelassi con quella di tipo 0 (ma io non l'avevo) e poi ho sbagliato la dose dell'olio, ne ho messo un 50% in più di quello richiesto.
Dopo aver fatto un paio di pani con una mdp prestata, comunque ne ho comprata una. Nei prossimi giorni andrò a rifornirmi di farine di vario tipo e la proverò, sperando che i risultati siano soddisfacenti come i precedenti.

Foto: Nuovo elettrodomestico :-)
Il nuovo elettrodomestico


9 commenti:

  1. quando si parla di cucina vegana immagino sempre piatti coi disegni di goldrake ;-)

    RispondiElimina
  2. @Ariano: :D!! Proprio oggi parlavo con una persona che non sapeva cosa volesse dire vegano e non aveva capito la parola... la prima cosa che mi è venuta in mente per farle capire la parola è stata "vegano come vega di goldrake", quindi ti capisco!!! :))

    RispondiElimina
  3. Ma è fantastico...la prossima volta qualche fotina...!

    RispondiElimina
  4. Adesso so perchè la Nutella è così buona. Ho sbirciato nella prossima ricetta :)

    RispondiElimina
  5. Tutto venerdì sera? Che treno, sei bravissima altrochè :)
    Mi aggiungo alla coda, anch'io voglio le foto!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Ehi, ma ci inviterai qualche volta a me e Maria??? Nutella vegan non l'avevo mai sentita, ma scommetto dev'essere buonissima ugualmente! :) Continua così Fra, è bello leggere di questi tuoi vezzi... Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  7. @Marika: non sono così brava, la macchina del pane fa tutto da sola e il latte di nocciole e la "nutella" non richiedono molto tempo... idem le crepes :)

    @Albert: Nel senso che non ti è piaciuta la ricetta e quindi la Nutella vera è più buona? :) Comunque, la Nutella originale è buonissima e penso anche inimitabile, ma la evito per l'alto contenuto in zuccheri e olio vegetale...

    @Nico: :) la nutella vegan, come ho detto prima, non ha nulla a che vedere con la nutella (di cui adoro il sapore), ma, pensando che è solo una crema di nocciole è buonissima! Grazie :)

    @Marika, Spicy, Lady: ho aggiunto un paio di foto :)

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a da qui!
Thanks for stopping by!