martedì 19 marzo 2013

Il lato positivo (libro)

Fra le mie braccia c'è una donna che mi ha regalato l'"Atlante delle nuvole per l'osservazione del cielo", una donna che conosce tutti i miei segreti, una donna che sa quanto è incasinata la mia mente, quante pillole devo prendere, e, tuttavia, si lascia abbracciare da me. In tutto questo c'è qualcosa di onesto e non riesco a immaginarmi nessun'altra donna coricata insieme a me nel bel mezzo di un campo da calcio congelato - in piena tormenta, addirittura - a sperare che accada l'impossibile: che una nuvola si liberi da un nembostrato.
("Il lato positivo", M. Quick)

Jennifer Lawrence e Bradley Cooper, i protagonisti del film tratto dal libro.

Ho letto il libro, incuriosita dal fatto che Jennifer Lawrence ha vinto l'Oscar per la sua interpretazione della protagonista femminile (Tiffany) e perché sapevo vagamente di cosa trattava (quando c'è di mezzo qualche personaggio con problemi mentali, la mia attenzione è assicurata!).
Una storia d'amore molto tenera, inusuale e stramba... lui (Pat) è poco più che trentenne ed è appena uscito da una clinica psichiatrica; ha parzialmente perso la memoria, pensa ossessivamente a sua moglie Nikki e crede che stiano vivendo una fase di separazione (il periodo di lontananza) che finirà presto (Nikki, in effetti, è diventata una ex moglie e lui non lo sa) e, nel frattempo, fa attività fisica dal mattino alla sera e si esercita a essere gentile, perché si ricorda che con la moglie lo era stato troppo poco.
Lei, Tiffany, è emotivamente instabile, depressa a seguito della morte prematura del marito.
Si trovano e si amano, a modo loro.

L'ho trovato carino, divertente e molto scorrevole. 
Di quei libri leggeri, che ti lasciano con il sorriso sulle labbra.
Adesso ho parecchia voglia di vedere il film.


"Non ho la minima intenzione di citare Hemingway e tantomeno leggere un altro dei suoi libri. E, se fosse ancora vivo, gli scriverei subito, minacciandolo di strangolarlo per essere stato così tetro." 
(Pat, ossessionato dai lieto fine, dopo aver letto il finale poco lieto di "Addio alle armi")


5 commenti:

  1. io mi sa che farò il contrario.
    ho adorato il film, e ora mi tocca recuperare anche il romanzo..

    RispondiElimina
  2. Da come ne parli tu anche con la tua brasva recensione, viene voglia almeno di vedere il film. Grazie Fra.

    RispondiElimina
  3. stasera vedrò il film... a presto per le impressioni, non ho però letto il libro...

    RispondiElimina
  4. Mi stanno parlando parecchio bene di questo film.
    Mi sa che prima o poi mi tocca portarci Arianna, piuttosto che i soliti film con alieni e replicanti vari.
    Vabbé.
    Oh, visto che passo di qua... sapevi che sei stata nominata, vero? ;)
    Bacio!

    RispondiElimina
  5. ho letto il libro in un giorno...veramente stupendo...il film è totalmente diverso, quindi si può vedere tranquillamente prima il film...

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a da qui!
Thanks for stopping by!