giovedì 23 maggio 2013

Chochosan e i miei ricordi



Questo è il Teatro Massimo "V. Bellini" di Catania.
Ammetto -  con somma vergogna - di essere entrata per la prima volta a 41 anni nel principale teatro di Catania e sono rimasta incantata, a guardare in su come una bambina che guarda estasiata il cielo e le nuvole sopra di lei per la prima volta.
Le foto non rendono piena giustizia, anche se mi piacciono molto.




Abbiamo visto Madame Butterfly
Non sono un'esperta in fatto di opere liriche (anzi direi che sono molto ignorante in merito), ma questa è una delle poche di cui conoscevo abbastanza bene la trama, perché mia zia me la raccontava spesso, così come mi raccontava di tante altre cose e mi cantava vecchie canzoni di Domenico Modugno e Renato Rascel, che io mi ritrovo a sapere a memoria senza essere mai stata fan (!). 
Così, da piccola, ascoltavo affascinata di questa povera donna giapponese che, abbandonata dal cattivo americano, si uccideva facendo harakiri... anche se Chochosan tecnicamente commise lo jigai (che è la "versione femminile" dello harakiri).
Quindi, ho assistito a questa rappresentazione anche con il cuore, pensando alle sue parole di tanto tempo fa. E, sarà anche per questo, mi è piaciuta molto.


6 commenti:

  1. Bellissimo il teatro Bellini. Ammetto che anch'io non sono un ascoltatore di musica lirica (ho gusti più rozzi) però un'opera, con la sua tipica commistione fra concerto e reappresentazione teatrale, con le scenografie, le luci e i costumi, probabilmente va molto al di là del solo aspetto musicale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Ariano: sono d'accordo con la tua opinione sull'opera... noi siamo stati pure fortunati, perché c'erano "i sottotitoli" proiettati su un tabellone in alto e quindi abbiamo pure capito le parole (senza non avremmo capito nulla). E anche io ho gusti molto più rozzi. :)

      Elimina
  2. Da Pucciniano convinto ti ringrazio per aver apprezzato Madame Butterfly. Non ti perdere la Boheme.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Aldo: la boeme... sì, prima o poi :)

      Elimina
  3. E' una delle cose che ho sulla lista di esperienze da fare quella di vedere un'opera lirica in un bel teatro. Prima o poi... Belle le foto! Abiti dalle parti di Catania? Il mio papà è di Aci Catena, vorrei tanto tornare in Sicilia, me la ricordo così bella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Ale: grazie... sì, sono catanese doc, anche se da qualche anno abito in un paesello a 15 km da ct (peraltro molto vicino anche ad aci catena, saranno 10 km)... ti assicuro che l'esperienza dell'opera vista al teatro bellini è notevole! :)

      Elimina

Grazie per essere passato/a da qui!
Thanks for stopping by!