mercoledì 15 maggio 2013

Per fortuna non è il Bates Motel


Bates Motel - Psycho

L'albergo è una chiesa sconsacrata e ristrutturata e si trova fuori dal paese. 
Questo particolare rende il luogo affascinante e misterioso.
Quando arrivo, non mi sembra esserci nessun altro e, quasi a conferma del pensiero di essere unica ospite della notte, il giovane albergatore mi consegna la chiave della stanza numero 1, proprio in prossimità del portone e alle spalle della hall. 
Pensieri vaghi di albergatori carini e gentili che poi accoltellano giovani donne nella doccia si affacciano alla mia mente (malata).

Norman Bates - Psycho

La stanza è grande e confortevole, anche se sa di chiuso e, a parte alcuni quadri colorati sulle pareti, l'arredamento è poco moderno, ma nuovo e dignitoso. 
Scendo al ristorante per la cena e la mia impressione di essere capitata nell'albergo di Psycho muta radicalmente. La sala è molto carina e confortevole. Il personale è molto gentile e affabile, sorride, chiede come va e gli ospiti sono diversi e sembrano conoscere bene il posto e tutti loro. Mi sembra di essermi imbucata in una cena tra amici. 
Alla TV, Ficarrra e Picone a Striscia La Notizia... c'è un servizio su uno dei soliti carlatani che promettono la cura alle malattie con acqua sporca e un paio di preghiere... ma la colpa è della gente idiota che dà soldi a questi imbroglioni... Ecco, oltre a mettermi a fare collanine sulla spiaggia, potrei improvvisarmi guaritrice, un domani (Ma anche no), quando sarò completamente demoralizzata e smetterò di andare in giro a svendere consulenze.
Il cibo è squisito ed è un peccato che io non abbia affatto fame, infatti, cosa non da me, non riesco a finire nessuna delle due portate e rinuncio al dolce che, se lo standard è sempre quello, di sicuro è una bontà.
Per la stanchezza, rischio di addormentarmi sul piatto di orecchiette al pistacchio e me ne vado in stanza, dove crollo tempo tre minuti, senza nemmeno la voglia di telefonare a marito/amica/mamma.
Le uniche azioni che riesco a compiere sono mettermi il pigiama e adagiare la sedia contro la porta... sempre perché, anche se probabilmente questo non è il Bates Motel, nel caso qualcuno tentasse di aprire la porta, almeno io lo sentirei. Lo so, ho sempre pensieri positivi e di fiducia estrema negli sconosciuti.
Dopo essermi tolta le scarpe comodissime che ho tenuto tutto il giorno, mi rendo conto che sono talmente comode che non mi sono nemmeno accorta di una papola improvvisamente dolorante. Ma, come dicevano i Pooh, ci penserò domani. Alle 22.30 dormo già come un ghiro. 
Questa mattina, che avrei potuto svegliarmi alle 7.45, mi si sono spalancati gli occhi alle 5.30 e sono sveglia da allora. Ora son già le 7 e devo decidere se rimettere le scarpe da femmina comodissime ma subdole recidi-piedi oppure mettere le scarpe da ginnastica, certamente più comode, ma fuori luogo con il maglioncino elegante e il mio ruolo di oggi.


7 commenti:

  1. se ci fosse anche il rappresentante che ci prova con la barista e il tipo col cappello a falda larga che si guarda attorno con finta nonchalance, potrebbe essere l'inizio di un racconto di Chandler, il buon vecchio Raymond. ma dove sei andata a finire, così lontano dal tuo prato all'inglese?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @tim: non ero tanto lontano da casa (circa un'ora e mezza-due ore di macchina), ma avevo due giorni intensi di lavoro e ho preferito dormire in zona anziché tornare a casa tardi e fare levatacce... ero nel calatino.

      Elimina
  2. Chissà comè andato a finire il dilemma delle scarpe.
    Certo che quando vidi Psyco la prima volta mi vennero i brividi e si capisce quindi il tuo timore.
    Un caro saluto,
    aldo.


    ps. Ficarra e Picone mi hanno fatto e mi fanno sempre morire dal ridere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @aldo: anche a me ficarra e picone fanno morire dal ridere :D
      e le scarpe... ho rimesso quelle magiche da femmina... le altre erano troppo fuori luogo, dato che mi trovavo là per lavoro :)

      Elimina
  3. E i fantasmi c'erano? Tipo "The Others", hai presente?
    Ciao Fra, un bacio, è da tanto che non ci scriviamo. Latito parecchio, ma ho tante buone scuse...:-)

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a da qui!
Thanks for stopping by!