mercoledì 1 maggio 2013

Percorso naturalistico Vecchia Ferrovia - Acireale (CT)

Grazie al consiglio di alcuni amici, siamo stati qui.
E io consiglio quelli che abitano in zona di farci una capatina.
E' una passeggiata semplice (3 Km) e suggestiva, in mezzo alla vegetazione, percorrendo la vecchia ferrovia che conduceva a Messina, completata nel 1912 e dismessa negli anni '60.
Il sentiero si affaccia sulla Timpa di Acireale (Timpa Falconiera).

Circa 300 metri dopo il semaforo, scendendo verso Santa Tecla (prima di arrivare alla curva dove c'è quel locale che una volta era La Vela), sulla sinistra, poco dopo un benzinaio e all'altezza di una traversa, si trova questa insegna. Che però non si nota. C'è anche un buco nel muro, che non si nota nemmeno. Comunque, è dal quel buco che si entra.

Appena entrati nel "buco" nel muro sulla strada provinciale, si passa sotto un passaggio e poi si va a destra... quindi ci si immette nel percorso della vecchia ferrovia, verso Messina. Della ferrovia sono rimaste solo alcune traverse. E le gallerie.

In alcuni punti ci si affaccia su panorami bellissimi.


Data la vegetazione, a tratti molto folta, consiglio di mettersi i jeans e scarpe da ginnastica comode. No pantaloncini corti e nemmeno scarpe dalla suola inesistente... in molti tratti si cammina su pietre molto irregolari, a me (che avevo un paio di scarpe tipo Converse) sembrava di camminare scalza sulle pietre aguzze!





Le gallerie... ce ne sono tre. Solo l'ultima, secondo me, è un po' più "impegnativa" (oltre 400 metri) perché si resta al buio fitto per un po'. Allora, portate assolutamente delle torce e astenetevi dall'imboccarla se avete troppa paura del buio!! 


Percorrere questo sentiero in mezzo alla natura, mi ha ricordato il film "Non ci resta che piangere"... chissà se questa strada ci condurrà a Frittole nel "quasi millecinque"!





Qui finisce il percorso naturalistico. Se volete, il cancello è superabile molto facilmente, girandoci intorno in un punto, e potete andare in strada (zona Santa Maria Ammalati). La durata del percorso è, in totale (andata e ritorno), 3 ore scarse, camminando piano, con cane e bambini, e fermandosi pure un bel po' per pranzare.


Pillo, alla fine del percorso (andata) si è coricato a terra stremato e voleva addormentarsi. Il marito lo ha portato in braccio per un po'. Da quando siamo rientrati si è addormentato e non lo svegliano nemmeno le bombe fino a domani mattina!

Per chi non ha cliccato sul link all'inizio del post, copio qui quello che c'è scritto, è interessante!! E leggete pure il secondo link!!

Sulla SS114, in corrispondenza dell’ingresso per Acireale, si imbocca la strada che scende verso il mare in direzione S. Tecla. Percorsi circa 300 metri dal semaforo, l’inizio del sentiero, difficilmente riconoscibile, si apre sulla sinistra, di fronte alla Via Malascesa. Alcuni brevi tornanti piuttosto ripidi consentono di raggiungere l’antico tracciato di una ferrovia dismessa, caratterizzato dalla presenza di tre tratti in galleria. Si attraversa una parte della Timpa poco antropizzata (timpa del Belfrontizio e timpa Falconiera) che offre ampi scorci sugli imponenti canaloni a strapiombo e un magnifico panorama sulla costa in un’area di grande ricchezza vegetazionale. Piccoli lembi di boschi termofili a Quercia virgiliana si alternano alla macchia mediterranea ed ai "giardini" di limoni, coltivazioni tipiche della zona. Sulle creste rocciose e lungo il tracciato si scorge l’Euphorbia arborescente, arbusto emisferico che, come adattamento al prolungato periodo di siccità, perde le foglie nei mesi estivi per rivestirsi di verde a partire dall’autunno. L’impronta dell’uomo si rinviene anche osservando alcune essenze esotiche naturalizzate: il Fico d’India e l’Ailanto, quanto mai presenti nella vegetazione naturale della Timpa.

Percorrendo questo sentiero è possibile osservare in volo la Ghiandaia, il Gheppio e la Poiana.

La prima parte del tracciato è abbastanza disagevole in quanto il sentiero è parzialmente ostruito da roveti. In questo tratto si incontra una grotta lavica visibile sia a destra che a sinistra del percorso. Queste grotte sono costituite da un tunnel lavico, una conduttura isolante che permette alla lava di raggiungere anche notevoli distanze dal punto di emissione. La lava raffreddandosi nelle sue parti più esterne, crea dei solidi argini laterali che, crescendo verso l’alto, si congiungono formando un tetto. La genesi della grotta è legata allo svuotamento del tunnel lavico che può avvenire durante o al termine dell'eruzione. Questa grotta si presenta con un discreto sviluppo ed è caratterizzata dalla presenza di tipici rotoli di lava alla base delle pareti generate dal repentino raffreddamento dell’interno del tunnel lavico ed il successivo distacco dalla parete di una lamina di lava che si accartoccia alla base. Proseguendo si incontra la prima galleria, da questo punto in poi il sentiero diventa agevole e privo di ostacoli. Il tratto in galleria è interrotto da ampi canaloni che solcano il costone roccioso. Le gallerie lasciano di volta in volta il passo a splendidi punti di osservazione dove è possibile ammirare un vasto scorcio della costa ionica e la base della Timpa di Santa Tecla, una ampia zona pianeggiante, interamente ad agrumeto, costituita da terrazzi marini e depressioni colmate con materiale alluvionale e frane.

L’ultima galleria, con uno sviluppo complessivo di 468 m, è la più lunga ed affascinante. Su una chiave di volta è inciso l’anno di conclusione dei lavori di costruzione di questo incantevole tratto di ferrovia: 1912. Notevole è la qualità costruttiva del manufatto che ad oltre un secolo di distanza si presenta intatto. L’interno delle gallerie è interamente rivestito di basolato lavico che, oltre ad ornarne la volta, assolve una importante funzione statica. Oltrepassate le gallerie si prosegue lungo il sentiero fin quando si incontra un cancello. In questo ultimo settore la scarpata è addolcita da una ampia fascia a pendenza più blanda, costituita da colate laviche storiche.


E’ questo il momento di tornare indietro e ripercorrere in senso inverso questo splendido tracciato.



14 commenti:

  1. Splendido post Fra, ritrovo parecchi luoghi che conosco (vedi Santa Tecla) e contemporaneamente scopro qualcosa che dev'essere fantastico da fare, e posso immaginare come ti sia sentita tu! Chiederò altri lumi a mio nipote, che è di Acireale, e anche se per la prossima volta che scendiamo ci organizza qualcosa del genere! Fra l'altro uno dei propositi mio e di Maria è proprio quello di camminare un po' di più. In parte abbiamo già iniziato, ma ci piacerebbe proseguire! Confermo, sei grandissima! :-)

    RispondiElimina
  2. @Nico: grazie per i complimenti! :) E, ovviamente, se venite da queste parti, andate! :)

    RispondiElimina
  3. Grazie Fra e soprattutto complimenti per le splendide foto e per le descrizioni particolareggiate.
    Lasciani essere per una volta orgoglioso: io sono nato a Roma ma da genitori entrambi siciliani della provincia di Trapani e pertanto sono più che contento di leggere e vedere certi bellissimi luoghi.
    Un caro saluto,
    aldo.


    ps. beati voi che avete quell'amico a quattro zampre così dolce.

    RispondiElimina
  4. Il passaggio nella galleria mi avrebbe un po' inquietato, se devo essere sincero...

    RispondiElimina
  5. Grazie per il consiglio. Oggi siamo andati, abbiamo abdicato a metà della terza galleria, la nostra torcia era davvero troppo debole.
    Peccato per lo stato di abbandono.
    Noi la targa non l'abbiamo trovata.
    Una segnalazione ai turisti sarebbe doverosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Claudio, prego. Infatti, lo stato di abbandono è un vero peccato...potrebbero valorizzare un posto così bello...

      Elimina
  6. a quanto ho saputo dovrebbero realizzarvi un percorso ciclopedonale...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Claudio: davvero? speriamo lo facciano sul serio (e prima che io diventi troppo vecchia per andarci in bicilcetta!!) :D

      Elimina
  7. fangyanting20150914
    new york jets jerseys, http://www.newyorkjetsjersey.us/
    nike trainers uk, http://www.niketrainers.me.uk/
    prada handbags, http://www.pradahandbagsoutlet.co.uk/
    nike shoes, http://www.cheap-nikeshoes.cc/
    tory burch outlet online, http://www.toryburch.in.net/
    prada shoes, http://www.pradashoes.us/
    dansko outlet, http://www.dansko-shoes.us/
    canada goose outlet, http://www.canadagoose.us.org/
    polo ralph lauren, http://www.poloralphlauren.us.org/
    michael kors factory outlet, http://www.michaelkorsfactoryoutletonline.com/
    redskins jerseys, http://www.washingtonredskinsjersey.com/
    ray ban sunglasses, http://www.raybansunglassesonline.us.com/
    louis vuitton outlet store, http://www.louisvuittonoutlet.in.net/
    hollister, http://www.abercrombie-fitch-hollister.es/
    chanel handbags outlet, http://www.chanelhandbags-outlet.us.com/
    michael kors bags, http://www.michaelkorsbags.uk/
    oakley sunglasses wholesale, http://www.oakleysunglasseswholesale.in.net/
    kobe shoes, http://www.kobeshoes.us/
    gucci handbags, http://www.guccihandbags-outlet.co.uk/
    hollister canada, http://www.hollistercanada.com/
    kobe shoes, http://www.kobebryantshoes.in.net/
    air max 2014, http://www.airmax2014.net/
    ugg boots, http://www.uggbootsclearance.in.net/
    true religion jeans, http://www.truereligionoutletstore.us.com/
    coach outlet online, http://www.coachoutletonline.in.net/
    nike free uk, http://www.nikefreerunning.org.uk/
    falcons jersey, http://www.atlantafalconsjersey.us/
    nfl jerseys, http://www.cheapnfljerseys.org/
    marc jacobs outlet, http://www.marcjacobs.cc/
    oakley sunglasses, http://www.oakleysunglassescheap.us.com/

    RispondiElimina
  8. Grazie! Siamo andati questo weekend e abbiamo trovato l'ingresso grazie a questa pubblicazione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta di esservi stata utile :) spero vi sia piaciuto

      Elimina

Grazie per essere passato/a da qui!
Thanks for stopping by!