sabato 16 agosto 2014

Idee per un menu veg

Alcune persone, sgomente dalla mia scelta vegan, mi chiedono, ogni tanto, dei menu... c'è pure chi mi ha chiesto il menu per un'intera settimana. Questa cosa un po' mi fa sorridere, perché di solito, io non programmo molto... in cucina, improvviso abbastanza. Da quando sono vegan, poi, improvviso un sacco. Se mi si chiede un menu, addirittura per sette giorni, entro nel panico. Ma, in effetti, posso capire, perché tempo fa avevo anche io bisogno di menu già stabiliti (da altri), per  totale mancanza di fantasia in cucina.

Premesso ciò, ieri abbiamo invitato alcuni amici a pranzo. 
Questo il menu (ricette in fondo al post), semi improvvisato: spaghetti di riso con verdure saltate, seitan all'arancia, insalata russa con maionese veg, mousse al pistacchio e pane fatto in casa. 

Spaghetti e insalata russa erano stati previsti dal giorno prima, ma, verso le 10 del mattino, non avevo ancora idea di cosa fare per "secondo"... quando i miei occhi si sono posati su un pacco quasi dimezzato di farina manitoba che mio marito stava utilizzando per fare il pane (parte del quale è stato fritto... buonissimo... ma non divaghiamo). Accertatami che il marito avesse dell'altra farina per proseguire nella preparazione di un pane spettacolare, mi sono appropriata subdolamente della manitoba e ho preparato il seitan, che è uno dei miei piatti preferiti al momento (quello preparato da me almeno). 
Deciso il secondo, avevo ancora un dolce da improvvisare, molto indecisa se preparare le palline al cocco - che, di recente, ho preparato tante di quelle volte da venirmi a noia (ricetta qui) -, ho adocchiato in freezer un semifreddo al pistacchio che avevo preparato qualche giorno fa e ho deciso che sarebbe divenuto parte del dolce improvvisato e inventato sul momento. E così è stato.
Di seguito le ricette.

Ricette

Spaghetti di riso
VERMICELLI DI RISO WAI WAI 500 gr - Clicca l'immagine per chiudere
Gli spaghetti di riso, che si trovano nei negozi specializzati e anche in diversi supermercati, sono corredati di istruzioni di cottura, che raccomando di seguire scrupolosamente per non ritrovarsi a mangiare un ammasso colloso di fili sottili (le istruzioni sono quasi sempre: buttare gli spaghetti in acqua bollente per qualche minuto (3-5) e poi scolare in acqua fredda). Durante la scolatura, io taglio di parecchio gli spaghetti con la forbice, cosa che consiglio spassionatamente, giusto per renderne più agevole il condimento e la consumazione.
Le verdure che uso per condirli sono cipolle, peperoni, carote, zucchine, melanzane e germogli di soia (tutte insieme oppure solo alcune di queste), tagliate a dadini molto piccoli o a julienne. Per cucinarle uso il wok. Prima soffriggo con poco olio la cipolla e poi faccio cucinare le verdure senza aggiungere altro olio o acqua, ma solo un po' di sale e della salsa di soia, fino a che sono cotte ma ancora "croccanti".
Infine, metto gli spaghetti cotti per qualche minuto nel wok a cucinare insieme alle verdure, aggiungendo altra salsa di soia.

Insalata russa
Carote, patate, piselli, maionese.
Cucinare carote e patate al vapore e i piselli nel pentolino con poca acqua.
Quando le verdure sono cotte (non troppo, nel senso che devono restare quasi "croccanti" e non spappolarsi in bocca), condire con abbondante maionese (ricetta della maionese veg qui).

Seitan all'arancia

Mousse al pistacchio
(Questa me la sono inventata sul momento, ma mi è venuta bene)
Dosi per 7/8 porzioni
Base: Biscotti (250 gr) e Latte di mandorla quanto basta
Crema: pistacchi (non so in peso quanto fossero, ma, a occhio, un paio di tazze piene), panna da montare (non montata) in piccola quantità che non so quantificare, un cucchiaio di olio di cocco, un paio di cucchiaini stra colmi di nutella veg, un cucchiaio di succo di agave (facoltativo)
Copertura: panna montata (circa mezzo litro), granella di pistacchio, bacche di cacao

Sulle quantità, io vado molto a occhio. Il mezzo litro di panna è stato così ripartito: molto poca - meno di 100 ml - per la crema, il resto da montare per la copertura. 

Base
Polverizzare nel mixer biscotti tipo Digestive (che io amo e che sono vegan), bagnare con latte di mandorla e spalmare sul fondo delle coppette (la quantità di biscotti varia, in base allo spessore dello strato... nel mio caso, era molto poco spesso, circa mezzo cm).
Crema
Passare i pistacchi nel mixer a lungo, fino a quando non diventano cremosi; continuare a mixerare aggiungendo panna liquida e olio di cocco, fino a quando la crema non sarà di consistenza tipo il pesto.  Aggiungere, sempre nel mixer, la nutella veg e il succo di agave. "Spalmare" la crema sulla base.
Copertura
Montare la panna vegetale (circa mezzo litro) o di soia e ricoprire la mousse, aggiungendo granella di pistacchio e bacche di cacao frantumate.
Mettere in frigo prima di servire (direi, a occhio, almeno un paio di ore, ma forse pure di più).

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per essere passato/a da qui!
Thanks for stopping by!